In evidenza

Le sette morti di Evelyn Hardcastle: un mistero che vi farà impazzire!

Quando agata christie ed il black mirror si incontrano!

Buongiorno cari lettori e lettrici per passione. Oggi è stata una giornata abbastanza impegnativa! Voglio concluderla, però, parlandovi di un libro molto discusso negli ultimi tempi. Ho deciso di discuterne adesso, ad un mese dall’uscita, proprio perché ho sentito la necessità di aspettare che “si calmassero le acque”, per non correre il rischio di cadere nel senso comune.

Ovviamente sto parlando di “Le sette morti di Evelyn Hardcastle” di Stuart Turton edito Neri Pozza Editore. La storia si svolge nell’antica tenuta di una prestigiosa famiglia, gli Hardcastle, ormai in rovina. E’ una vecchia villa, in cui parecchi anni prima è successo qualcosa di terribile. La famiglia degli Hardcastle è composta dal capofamiglia Peter, la moglie Helena ed i figli Michael ed Evelyn. E’ proprio quest’ultima (come suggerisce il titolo stesso) ad essere il fulcro dell’intera vicenda. In occasione di un tragico evento, la famiglia Hardcastle decide di organizzare una festa in cui sarà proprio Evelyn a morire. Chi sarà stato?

Non sempre la vita ci permette di scegliere l’esistenza che vogliamo.

S. Turton, Le sette morti di Evelyn Hardcastle, pag. 150

Scrivere questa recensione non sarà impresa semplice. I rischi maggiori sono due: sembrare troppo banali e svelare dei dettagli che invece dovrebbero restare celati.

Proviamoci, però, andando con ordine.

La cosa che mi ha colpito a primo impatto è stata sicuramente la massima cura nella descrizione dei dettagli. Nulla è lasciato al caso; anche il più banale particolare, col procedere della storia, si rivelerà utile. L’autore riesce ad innescare quel meccanismo, nel lettore, che lo farà tornare indietro nelle pagine (o nei capitoli), per controllare se “l’aveva scritto”.

La trama si svolge in maniera molto chiara; anche se sono presenti parecchi flashback, infatti, il lettore non avverte (o almeno io non ho avvertito), quella sorta di fastidio, simile alla confusione, che potrebbe scoraggiare il proseguimento della lettura.

Quello che ho avvertito io, invee, è stato un senso di adrenalina, una bella scarica mista a curiosità, che mi ha fatto sentire una specie di Sherlock Holmes incaricato di risolvere il mistero.

Ho detto più volte, su Instagram, durante la lettura, che a parer mio, Stuart Turton è un vero è proprio genio. E’ riuscito a creare una storia dalla trama così intrecciata, con tantissimi personaggi, tantissimi punti di vista, ma al tempo parecchio affascinante.

Per non parlare del finale… Posso dirvi solo che è esplosivo!! Il ritmo della narrazione prende una notevole accelerata, il tutto si svolge in brevissimo tempo, quasi senza accorgersene.

Le sette morti di Evelyn Hardcastle è stato sicuramente un romanzo all’altezza delle aspettative. Promosso a pieni voti.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Le sette morti di Evelyn Hardcastle

AUTORE: Stuart Turton

EDITORE: Neri Pozza

DATA DI PUBBLICAZIONE: Marzo 2019

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

TITOLO ORIGINALE: The sevem deaths of Evelyn Hardcastle

TRADUZIONE: Federica Oddera

GENERE: Thriller

FORMATO. Cartaeo (448 pagine)

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera indetto da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell’alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento – la morte del giovane Thomas Hardcastle – ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino. Ora sono accorsi attratti dalla singolare circostanza di ritrovarsi di nuovo insieme, dalle sorprese promesse da Lord Peter per la serata, dai costumi bizzarri da indossare, dai fuochi d’artificio. Alle undici della sera, tuttavia, la morte torna a gettare i suoi dadi a Blackheath House. Nell’attimo in cui esplodono nell’aria i preannunciati fuochi d’artificio, Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, scivola lentamente nell’acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa. Morta, per un colpo di pistola al ventre. Un tragico decesso che non pone fine alle crudeli sorprese della festa. L’invito al ballo si rivela un gioco spietato, una trappola inaspettata per i convenuti a Blackheath House e per uno di loro in particolare: Aiden Bishop. Evelyn Hardcastle non morirà, infatti, una volta sola. Finché Aiden non risolverà il mistero della sua morte, la scena della caduta nell’acqua si ripeterà, incessantemente, giorno dopo giorno. E ogni volta si concluderà con il fatidico colpo di pistola. La sola via per porre fine a questo tragico gioco è identificare l’assassino. Ma, al sorgere di ogni nuovo giorno, Aiden si sveglia nel corpo di un ospite differente. E qualcuno è determinato a impedirgli di fuggire da Blackheath House… Accolto dall’entusiasmo della critica al suo apparire, vincitore del Costa First Novel Award, Le sette morti di Evelyn Hardcastle è, come ha scritto il Financial Times, «qualcosa in cui il lettore non si è mai imbattuto fino ad ora», un romanzo geniale in cui Agatha Christie incontra “Black Mirror”.

http://neripozza.it/libri/le-sette-morti-di-evelyn-hardcastle

In evidenza

L’istinto materno nuoce gravemente alla salute

Chi lo ha detto che di mamma ce n’è solo una?

Buonasera cari lettori e lettrici per passione! Oggi torno per parlarvi di un libro per certi aspetti “controcorrente”; un libro che non dice quello che ci aspetteremmo di sentire. Ma andiamo con ordine. Il libro in questione è “L’istinto materno nuoce gravemente alla salute: cronache estemporanee di una M.A.M.M.A. in divenire” di Debora Porfiri edito Pellegrini Editore.

Questo libro rappresenta un viaggio alla scoperta della maternità dal momento successivo alla nascita, fino ad un anno di vita della bambina. 52 settimane esaminate senza filtri, mostrando tutti i dubbi e le perplessità di una neo-mamma che si affaccia in un mondo del tutto nuovo che non sempre è tutto rose e fiori come la società fa credere. Vengono, quindi, esaminati vari aspetti, dall’allattamento, all’organizzazione quotidiana degli spazi, da un mondo del lavoro non ancora pronto del tutto alle lavoratrici mamme ai problemi di spostamento.

Ecco, per me la maternità è un blockbuster, il più grande di tutti i tempi: tutti ne parlano, hanno un’idea precisa in proposito, di solito la raccomandano, ma soprattutto ti dicono come sentirti al riguardo, precludendo così ogni velleità interpretativa. Risultato: ora che mi ci ritrovo in questa superproduzione hollywoodiana, so esattamente quello che dovrei provare, quando dovrei ridere, quando piangere, conosco la mia parte alla perfezione e non sono neanche tanto male come attrice, ma resta il fatto che non sento.

D. Porfiri, L’istinto materno nuoce gravemente la salute, pag.53

E’ un racconto in prima persona, strutturato come se fosse un diario. Ogni capitolo inizia e finisce allo stesso modo (anche se alla fine di ogni capitolo c’è un tratto singolare, a tratti ironico, a tratti riflessivo, sempre diverso. Questa caratteristica, però, mi lascia combattuta:se da una parte conferisce un’impronta decisa alla struttura del libro, quasi a marcare un senso di appartenenza che l’autrice ha voluto dare alla sua opera, dall’altra parte, invece, ho avuto come l’impressione che questo ripetersi abbia rallentato il ritmo della narrazione.

Consiglio questo libro a tutti quei neo-genitori che hanno paure, dubbi o che non riescono a “provare” quell’entusiasmo che il luogo comune ci inculca, non perché non amino i propri figli, ma perché cercano, con i propri tempi, a modellare la propria vita, in funzione di quella nuova totalmente diversa.

Scheda tecnica e descrizione.

Attraverso 52 cronache e altrettante settimane, l’io narrante racconta la propria nascita: dal parto al primo compleanno della figlia, in un tortuoso percorso che la vede nascere ogni settimana in una nuova versione di sé. La protagonista si ridefinisce man mano che si confronta con sua figlia, con il mondo esterno, ma – soprattutto – con se stessa, in un doloroso eppure divertente faccia a faccia. Il libro spazia da una dolorosa comicità a uno sguardo disincantato e polemico sulla società; da una nostalgia per un ideale irrealizzabile a un consapevole ma sofferto bisogno di far esplodere gli stereotipi. Superando la consueta dicotomia della maternità come benedizione o malaugurata sorte, questa raccolta di cronache dolce-amare descrive con ironia e schiettezza la costruzione di una nuova identità multivalente: quella di una M.A.M.M.A.

In evidenza

Una ragazza riservata: una “guerra” lunga quarant’anni

<< Il bene e il male, il buio e la luce >> meditò Perry << Non si può avere l’uno senza l’altro, mi sa. Forse siamo tutti dualismi.>>

K. Atkinson, Una ragazza riservata, pag. 129

Buonasera lettori e lettrici per passione, sto scrivendo questa recensione mentre la pioggia picchia sul davanzale della finestra, il che crea una speciale atmosfera che mi rende ancora più concentrata. Oggi vi parlo di un libro uscito da pochissimi giorni: “Una ragazza riservata” di Kate Atkinson edito Editrice Nord.

Il romanzo è suddiviso in tre parti che si alternano tra loro e che rappresentano tre fasi importanti della vita della protagonista: Juliet Amstrong, una donna londinese che ha partecipato negli anni Quaranta, più o meno indirettamente, alla Seconda Guerra Mondiale. Juliet, infatti, poco prima del conflitto, verrà assunta dai servizi segreti inglesi per riportare informazioni riguardanti i tedeschi, ed in particolare i filo-nazisti.

Questo romanzo richiama bene l’idea di un cerchio che si chiude, tutto infatti finisce dove è iniziato.

Una ragazza riservata, infatti, inizia dalla fine, per poi continuare con l’alternarsi di due decenni, per finire dove tutto è iniziato, sia metaforicamente, che strutturalmente.

Tutto si svolge a Londra; una Londra che prende diversi volti, in base al periodo di riferimento: quella più abbattuta degli anni Quaranta, in procinto del conflitto mondiale e quella che si vuole buttare tutto alle spalle, degli anni Cinquanta, ma che non sempre ci riesce.

I personaggi sono molto particolari. Ogni singola persona con cui Juliet si relaziona, ha una caratteristica spiccata e ben delineata, che la rende degna di nota e abbastanza riconoscibile anche nel susseguirsi della storia.

Quello che più emerge in questo romanzo è il mistero, la doppia vita. Questo aspetto viene raccontato così bene dall’autrice, tanto che ad un certo punto non si riesce più a distinguere cosa è vero da cosa non lo è.

Il linguaggio utilizzato è molto semplice e scorrevole. Mantiene un tono serio, intervallato da qualche battuta ironica. Il ritmo è incalzante al punto giusto. Una ragazza riservata è un romanzo che mi sento di consigliare. L’ho trovato molto accattivante e curioso, dove i misteri e le verità nascoste fanno da padroni.

Scheda tecnica e descrizione.

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

Londra, 1981. Una donna giace sull’asfalto. È stata investita mentre attraversava la strada, proprio il giorno del suo ritorno in Inghilterra, dopo anni passati all’estero. Un tragico incidente, che presto verrà dimenticato da una città in fermento per il matrimonio del secolo. O forse non è stata una casualità. Perché quella donna era depositaria di tanti, troppi segreti.

Londra, 1940. La diciottenne Juliet Armstrong viene reclutata dai servizi segreti per un lavoro all’apparenza semplice: sbobinare registrazioni. In realtà, si tratta di un compito delicato, perché quelle registrate sono le conversazioni tra un agente infiltrato e un gruppo di cittadini inglesi simpatizzanti del Reich. Per il governo, è essenziale individuare e tenere d’occhio una potenziale quinta colonna filonazista in patria. Soprattutto ora che Londra è il bersaglio delle bombe tedesche. Dapprima disorientata, Juliet s’immerge sempre più in un mondo all’apparenza innocuo, eppure in cui ogni gesto, ogni parola è ambigua e pericolosa. E dopo alcune settimane ha l’occasione di mettersi alla prova come agente operativo, in una rischiosa missione sul campo. E nulla andrà come previsto.

Londra, 1950. A cinque anni dalla fine delle ostilità, la crisi economica e le conseguenze della guerra opprimono ancora il popolo inglese. Juliet lavora per la BBC, allo sviluppo di programmi d’intrattenimento per sollevare lo spirito degli ascoltatori. Ma anche per lei è difficile liberarsi del passato, che riemerge nella forma di un messaggio lasciato sotto la porta di casa: Pagherai per quello che hai fatto. Dopo tutto quello che è successo dieci anni prima, Juliet non è sorpresa. E riprende contatto con alcune conoscenze del tempo di guerra, che però non le sono di nessun aiuto. Anzi, un uomo misterioso la coinvolgerà ancora una volta in una missione segreta. La scacchiera è sempre la stessa, ma è cambiato uno dei giocatori: non più la Germania nazista, bensì l’Unione Sovietica.

Attraverso lo sguardo di un personaggio femminile sfaccettato e in continua evoluzione, Kate Atkinson ci coinvolge con maestria in una storia dal ritmo serrato e dalla scrittura poliedrica. Una storia che è una sferzante rappresentazione dell’incapacità degli uomini d’imparare dalle lezioni del passato, condannandosi così a ripetere sempre gli stessi errori.

http://www.editricenord.it/generi/narrativa_generale/una_ragazza_riservata_9788842931379.php

In evidenza

Morte di un antiquario: un mistero a “regola d’arte”!

Buonasera miei affezionati lettori! Continuo a recuperare le varie letture fatte in questo periodo “fantasma”. Qualche settimana fa ho finito di leggere “Morte di un antiquario” di Paolo Regina edito SEM. Colgo l’occasione per ringraziare l’autore che gentilmente mi ha mandato la copia.

Morte di un antiquario racconta la prima indagine di Gaetano De Nittis, un capitano della Finanza, pugliese d’origine, ma trasferitosi a Ferrara per lavoro. Il caso, o il destino (scegliete voi!), lo porta ad avere contatti con colui che verrà trovato morto, Uber Montanari, un vecchio e scorbutico antiquario. Sarà proprio il capitano De Nittis a scoprire il cadavere. Apparentemente tutto rimanda ad un suicidio, anche se il nostro Gaetano capisce che qualcosa non quadra…

In questo romanzo Regina racconta la vicenda con un’ironia che non disturba, anzi fa da complemento alla riuscita del lavoro. Il protagonista principale, impersonato da De Nittis, è curioso, non crede alle cose date per scontate, dote principale di un investigatore, ha un’indole da playboy (o se vogliamo dire da colui che ha paura dei legami stabili), ironico ed auto-ironico. Caratteristiche queste che fanno affezionare, man mano che si procede con la lettura, il personaggio al lettore.

Come scrivevo sopra, la vicenda si svolge a Ferrara, dettaglio molto rilevante ai fini della risoluzione del caso. Regina mostra un quadro molto dettagliato della città, non solo a livello, per così dire, fisico, ma anche, e soprattutto descrive bene quei giochi di potere e quei patti segreti, stretti tra i rappresentanti più abbienti del posto, che spesso tessono le trame del “quieto vivere” cittadino.

I personaggi presenti nella storia rappresentano la parte benestante della società, ma anche i vizi in cui spesso si può inciampare. Uno fra tutti, l’avidità: quella bramosia di soldi e potere che spesso fa compiere azioni non proprio ragionevoli o moralmente corrette.

La caratteristica che più ho amato in Morte di un antiquario è l’imprevedibilità; ossia il fatto che quando credevo fosse tutto concluso e risolto (oltretutto dopo un’indagine ricca di colpi di scena), proprio nelle ultimissime pagine, scopro un finale alquanto scioccante che mi ha fatto pensare: “ah però, questa si che è stata una bella lettura!”.

L’episodio viene raccontato in maniera sciolta e con un ritmo calzante. E’ un libro che si legge bene e che lascia quel desiderio di scoprire cos’altro combinerà il nostro (ebbene sì, lo sento quasi mio :D) De Nittis.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Morte di un antiquario

EDITORE: SEM

GENERE: Romanzo Giallo

PREZZO DI COPERTINA: € 16,00

AUTORE: Paolo Regina

DATA DI PUBBLICAZIONE: Maggio 2018

FORMATO: Cartaceo (240 pag.)

Che cosa distingue l’antiquario dal semplice collezionista? Il gusto della ricerca tra le cose dimenticate alla scoperta dell’oggetto unico e magari irripetibile, prezioso. Ma anche la suggestione per il mistero che avvolge gli oggetti perduti e poi ritrovati: da dove vengono, chi li ha posseduti, quanta passione o dolore hanno ‘visto’. Testimoni muti delle vite passate, gli oggetti antichi attraversano il corso del tempo con il loro carico di segreti. Uber Montanari, tra tutti gli antiquari, è il più solitario, il più geloso delle scoperte che ha fatto, il più misterioso. Quando viene ritrovato cadavere nella sua bottega, a Ferrara, in molti si domandano quali tesori siano all’inizio della sua sventura. Gaetano De Nittis è un brillante capitano del Corpo più ‘odiato’ d’Italia: la Guardia di Finanza. D’origine pugliese, da poco trasferito a Ferrara, ama la buona cucina, cioè solo quella della sua terra, e odia l’agrodolce estense. Ha poco tempo libero e lo dedica tutto alla sua vera passione: la chitarra e lo stile blues del grande B.B. King, il suo idolo. È lui a scoprire, durante un’indagine di routine, il corpo di Montanari, l’antiquario dalla personalità ambigua, protetto da esponenti dell’alta borghesia ferrarese con cui aveva rapporti d’affari non sempre limpidi. Tra i molti segreti di questa vicenda, raccontata con calibrata maestria da Paolo Regina, il primo sta proprio nella vita dell’antiquario, coltissimo e misantropo, e nel suo insaziabile desiderio di collezionare opere d’arte proibite.

https://www.semlibri.com/book/morte-antiquario/

In evidenza

Il dramma della migrazione visto con altri occhi: La morte di Murat Idrissi

Buonasera cari lettori, devo svelarvi un segreto: ho un sacco di recensioni da scrivere e il mio ritmo di lettura è inversamente proporzionale all’uscita dell’articolo sul blog; purtroppo mi manca il tempo materiale per mettermi davanti al PC. Cercherò, però, in qualche modo, di parlarvi di tutte le letture fatte finora.

Uno dei libri in questione è proprio “La morte di Murat Idrissi” scritto da Tommy Wieringa ed edito da Iperborea. Questo romanzo breve affronta il dramma della migrazione e i pericoli che affrontano migliaia di persone nella “traversata”; ma racconta anche il viaggio interiore che fanno le due protagoniste, entrambe di origine islamica, che però hanno avuto la “fortuna” di essere cresciute in Europa.

Ma andiamo con ordine.

La morte di Murat Idrissi racconta la storia di Ilham e Thouraya, due ragazze olandesi che si ritrovano coinvolte in una situazione alquanto singolare: devono disfarsi del cadavere di Murat, ragazzo islamico morto nel bagagliaio della loro auto durante il viaggio nello stretto di Gibilterra. Le due ragazze si ritrovano così a riflettere sulla loro storia e sulla loro vita, soffermandosi su come sarebbe stato se i loro genitori avessero scelto di rimanere in Marocco invece di emigrare in Europa.

La primissima parte del libro è molto particolare, in quanto il racconto parte dall’origine del mondo, passando per una breve spiegazione delle colonne d’Ercole, per arrivare alla parte centrale del romanzo e cioè la storia di questi ragazzi.

Il tema trattato, come scritto sopra, riguarda la traversata dei migranti, quei viaggi disperati che molte persone affrontano nella speranza di trovare una terra più accogliente ed un futuro migliore; persone che sono disposte a tutto, persino ad intraprendere un lungo viaggio all’interno di un bagagliaio, consapevoli del fatto che il rischio è grosso. Murat Idrissi è una di queste persone, che però non ce l’ha fatta.

La storia è raccontata dal punto di vista delle due ragazze che si ritrovano un cadavere sulla macchina e che iniziano a riflettere su come liberarsene, ma anche sulla loro vita, su come siano diverse dalle altre ragazze nate da genitori olandesi (sì, perché Ilham e Thouraya anche se vivono in Europa, hanno origini marocchine) e soprattutto sul fatto di essere state delle “prescelte” che si sono risparmiate di vivere una vita di stenti e povertà.

Il libro si legge in maniera molto scorrevole e in poco tempo, anche se ho trovato che manca qualcosa; manca quel trasporto che è necessario per indurre il lettore a continuare la lettura. Se devo essere sincera, non è un libro che mi è rimasto dentro anche se comunque ben scritto.

C’è però da dire che la storia raccontata vale di essere letta. Ho trovato che sia un ottimo spunto di riflessione su temi purtroppo sempre più attuali.

Voto: 3/5

Scheda e descrizione.

TITOLO: La morte di Murat Idrissi

AUTORE: Tommy Wieringa

EDITORE: Iperborea

GENERE: Narrativa straniera

PREZZO DI COPERTINA: € 15,00

TITOLO ORIGINALE: De dood van Murat Idrissi

TRADUTTRICE: Elisabetta Svaluto Moreolo

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2018

FORMATO: Cartaceo (128 pag.)

Il traghetto da Tangeri attraversa lo Stretto di Gibilterra in una torrida mattina di fine estate. Non appena tocca il suolo europeo Ilham e Thouraya, due ragazze olandesi di origini marocchine, recuperano l’auto nella stiva e scoprono che il giovane clandestino che vi avevano nascosto è morto soffocato. Davanti a loro si stende rossa e sterminata la terra spagnola, che le due amiche devono attraversare con quel corpo nel bagagliaio, cercando il coraggio di disfarsene, in un disperato viaggio di ritorno a casa e dentro se stesse, i loro sentimenti, la loro storia personale. Era stato lui a supplicarle di aiutarlo a fuggire dalla misera baraccopoli dove lo avevano incontrato alla fine della loro vacanza in Marocco: come potevano negargli quell’unica possibilità di costruirsi una vita quando loro avevano avuto la fortuna di nascere in Olanda da una famiglia fuggita da quella stessa miseria? Affrontando con la sua profondità di sguardo e la poesia livida della sua scrittura un problema cruciale del nostro tempo, Tommy Wieringa ci cala nell’identità spezzata di due giovani donne immigrate di seconda generazione, straniere e incomprese tanto nel paese dove sono nate quanto in quello d’origine, divise tra la perenne lotta per un’integrazione autentica, la ribellione al mondo patriarcale dei genitori e un inguaribile senso di sradicamento. E racconta la storia di uno delle centinaia di morti anonimi che ogni anno vengono ritrovati lungo le strade spagnole, vittime di una fuga fallita attraverso quel piccolo Stretto che separa sempre più il continente africano dall’Occidente.

https://iperborea.com/titolo/497/

In evidenza

Addicted: ognuno ha un segreto da nascondere, e tu?

Buonasera cari lettori!

Sono tornata dopo un paio di mesi. Mesi in cui ho dovuto affrontare grandi ostacoli e cercare di tenere insieme le redini di tutto. Mesi in cui ho dovuto mettere in stand-by (non del tutto però) la mia più grande passione: la lettura. Questo è il motivo per cui mi sono trovata costretta ad interrompere blog e pagine social di Lettrice Per Passione.

Ma ora sono qui!!

Riapro i battenti col botto, parlandovi di un thriller che mi ha molto colpito e che mi è piaciuto un sacco! Il thriller in questione è: “Addicted” di Paolo Roversi edito SEM.

Il tema principale del romanzo è l’addiction, l’ossessione maniacale; il libro, infatti, racconta la storia di un gruppo formato da sette persone, ognuna con la propria ossessione, prese in cura da una psichiatra londinese, Rebecca Stark. Questi personaggi intraprenderanno un percorso di cura all’interno di una villa lussuosa nel sud Italia. Non tutto, però andrà come previsto… o forse sì?

Come ho scritto sopra, Addicted è un thriller che mi è piaciuto molto. Credo che Roversi sia riuscito ad inserire in armonia tutti gli elementi caratterizzanti il genere. Sono, infatti, presenti i misteri, i segreti, i colpi di scena; insomma, tutti quei tratti che fanno provare quel brivido alla schiena che piace tanto agli appassionati del genere in questione. Inoltre, un altro aspetto che ho apprezzato molto è stato la presenza di una buona dose di “scervellamento” che mi ha reso partecipe all’azione e curiosa di conoscere la verità dietro uno o l’altro atteggiamento.

Roversi, con una scrittura spiccia, ma di effetto, riesce a catturare ed ammaliare il lettore, che seguirà le vicende dei personaggi con una curiosità crescente.

Consiglio senza dubbio questo bel thriller, che merita di essere letto!!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Addicted

EDITORE: SEM

DATA DI PUBBLICAZIONE: Gennaio 2019

PREZZO DI COPERTINA: € 16,00

AUTORE: Paolo Roversi

GENERE: Thriller psicologico

FORMATO: Cartaceo (192 pag.)

VOTO: 4/5

Rebecca Stark è una brillante psichiatra londinese che ha messo a punto un innovativo sistema per guarire la gente dalle proprie ossessioni. Il metodo Stark è così efficace che un magnate russo, Grigory Ivanov, decide di affidarle la conduzione della Sunrise, la prima di una serie di cliniche all’avanguardia, disseminate in tutto il pianeta, che aiuteranno le persone ad affrancarsi dalle loro peggiori addiction. Viene così lanciata una campagna pubblicitaria a livello mondiale. Il primo centro apre in Italia, in Puglia, all’interno di un’antica masseria ristrutturata, circondata da campi e ulivi. Un posto perfetto per accogliere i pazienti che, come parte integrante della cura, dovranno lavorare, cucinare e dedicarsi alle pulizie. Vivranno, insomma, come una piccola comunità isolata. Fra le centinaia di richieste che arrivano vengono selezionati sette candidati da diversi Paesi: Lena Weber, ossessionata dalla perfezione fisica; Jian Chow, web designer e hacker voyeur; Rosa Bernasconi, una ragazza tecno dipendente; Claudio Carrara, giocatore d’azzardo compulsivo; Julie Arnaud, manager ninfomane; Tim Parker, trader cocainomane; e, infine, Jessica De Groot, autolesionista. All’inizio della terapia tutto sembra girare nel migliore dei modi ma, ben presto, alcuni pazienti scompaiono misteriosamente. Complice una pioggia torrenziale che tiene segregati gli ospiti, impedendogli la fuga e ogni contatto con l’esterno, comincia da quel momento un macabro gioco al massacro.

https://www.semlibri.com/book/addicted/

In evidenza

Un amore oltre le ingiustizie: Se la strada potesse parlare di J. Baldwin

Buonasera cari lettori e lettrici per passione, eccomi tornata, dopo aver avuto qualche incidente di percorso (dente del giudizio dolorante compreso), per parlarvi di un libro da cui è stato tratto il film omonimo.

Sto parlando di “Se la strada potesse parlare” di James Baldwin edito Fandango Editore.

Baldwin in questo romanzo racconta la storia di due ragazzi di colore: Tish e Fonny. Tish, una ragazzina cresciuta in una famiglia povera di ricchezze ma ricca di affetti, conosce Fonny (che invece vive una situazione familiare molto particolare) fin dai tempi della scuola elementare. Questi ragazzi iniziano a frequentarsi come amici, per poi arrivare a scoprire che quello che provano reciprocamente, è qualcosa di più. Tish il passaggio da ragazzina a donna lo affronta insieme a Fonny, ed è sempre insieme a lui che vive quei momenti magici tipici di una storia d’amore forte e passionale. Procede tutto a gonfie vele fin quando Fonny viene arrestato da un poliziotto bianco. Questo episodio sconvolgerà tutti gli equilibri e farà emergere una società che non accetta, ieri come oggi, le diversità.

Il Signore non ha forse liberato Daniele? E perché allora non ogni uomo?

La canzone è vecchia, la domanda è ancora senza risposta.

J. Baldwin, Se la strada potesse parlare, pag. 112

Baldwin, prima che raccontare la storia d’amore tribolata di questi due ragazzi, vuole darci uno spaccato reale della società americana degli anni Settanta. Una società che appare è satura di tanti pregiudizi dettati principalmente dall’essere “nero”. Ebbene sì, le persone di colore in quel periodo venivano sfruttate, derise e anche condannate, come racconta la storia, senza un motivo concreto, soltanto perché chi nasceva con la pelle bianca si sentiva in diritto (e anche in dovere) di sopraffare chi aveva il colore di pelle più scuro.

Ho detto in dovere perché dal libro si evince come questa condizione ormai era riconosciuta da tutti come un qualcosa che sovrasta persino il sistema giudiziario della “legge è uguale per tutti”.

Io, personalmente, paragono Se la strada potesse parlare ad una fotografia dell’America. L’autore, infatti, oltre a far comprendere con estrema chiarezza i meccanismi di una società divisa, riesce a descrivere con grande abilità i paesaggi, i luoghi e gli stati d’animo che racconta. Il linguaggio usato è crudo, popolare, che mostra tanta sofferenza ma anche una forte voglia di riscatto per tutte le ingiustizie subite.

Credo sia un romanzo alquanto attuale e che mi ha dato conferma di quello che credo fermamente; che la storia, cioè, è un insieme di corsi e di ricorsi. Dopo più di quarant’anni dalla scrittura di questo capolavoro (perché si, ora che ve ne ho parlato posso dirlo!) ci troviamo a rivivere le stesse situazioni di pregiudizio, di paura e di ingiustizia nei confronti di persone che hanno come unica colpa il provenire da un determinato Paese piuttosto che un altro. Su questo discorso non mi voglio però dilungare oltre perché ci sarebbe tanto da dire e molti aspetti da prendere in considerazione.

Posso, invece, dirvi con assoluta certezza, che è un libro che deve essere letto, perché conoscere è fondamentale affinché certe cose non succedano più.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Se la strada potesse parlare

AUTORE: James Baldwin

EDITORE: Fandango Editore

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2018

PREZZO DI COPERTINA: € 18,50

TITOLO ORIGINALE: If Beale Street could talk

TRADUZIONE: Marina Valente

GENERE: Narrativa Straniera

FORMATO: Cartaceo (pag. 205)

In Se la strada potesse parlare James Baldwin ci racconta una struggente storia d’amore in un mondo fatto di dolore e ingiustizia. Attraverso gli occhi di Tish, una diciannovenne bella e innamorata, conosciamo Fonny, il giovane scultore da cui aspetta un figlio. I due sono cresciuti insieme, nello stesso quartiere, insieme hanno giocato, si sono rincorsi, hanno fatto l’amore ridendo e riso facendo l’amore. Il racconto mescola romanticismo e tristezza. Tish e Fonny avevano programmato di sposarsi ma Fonny viene accusato ingiustamente di aver stuprato una donna portoricana. Unico nero in un confronto all’americana, viene riconosciuto colpevole e incarcerato. Fonny è innocente eppure spetta a lui e alla sua famiglia dimostrare – “e pagare per dimostrare” – la sua innocenza. Tish tenta con ogni mezzo di sostenere l’uomo che ama mentre la gravidanza diventa sempre più visibile. Come il blues – dolce, malinconico e pieno di verità – questo capolavoro letterario ci colpisce, prima di tutto, emotivamente. Ci sono la rabbia e il dolore, ma sopra ogni altro sentimento a dominare è l’amore – l’amore potente di una donna per il suo uomo e l’amore avvolgente di una famiglia disposta a tutto, fino all’estremo sacrificio. La forza della narrazione di Baldwin e la schiettezza nel racconto delle situazioni e dei personaggi fanno di questo romanzo un vero e proprio classico del Novecento.

https://www.fandangoeditore.it/shop/marchi-editoriali/fandango-libri-2/se-la-strada-potesse-parlare/



In evidenza

Madri a perdere? No, Madri a rendere!

Buonasera lettori e lettrici per passione, la mia attività di bookblogger per caso sembra stare tornando nella norma. La verità è che scrivere e raccontarvi di libri mi fa stare bene, e vedere, allo stesso tempo, che voi apprezzate mi aiuta ancora di più! Ma bando alle ciance e parliamo di quello che accomuna tutti noi: i libri.

In particolare, oggi vi parlo di Madri a rendere di Beatrice Tauro edito Cinquemarzo Edizioni.

Madri a rendere racconta la storia d quattro donne (Elena, Anna, Cecilia e Francesca) che, amiche inseparabili e coinquiline ai tempi dell’università, si sono poi allontanate, prendendo ognuna la propria strada, in seguito ad un qualcosa avvenuto tra loro.

Elena, la più energica del gruppo, decide di organizzare un weekend, invitando le sue ex amiche. Anna, Cecilia e Francesca non hanno idea di quello che Elena vuole chiedere loro, ma soprattutto quello che ancora non sanno è che quest’invito cambierà per sempre le loro vite.

I personaggi. Elena ha sempre avuto una personalità ribelle ed estroversa. E’ sempre stata determinata nel perseguire i propri obiettivi assumendo anche un atteggiamento egoistico pur di raggiungerli. Anna rappresenta la parte più ragionevole del gruppo, psicologa per mestiere, è portata a riflettere sulle conseguenze delle azioni, motivo per cui non è ancora riuscita a trovare l’uomo che risponda ai suoi ideali. Cecilia è una mamma con una vita affettiva un po’ complicata dove l’unica certezza è l’amore per i figli. Francesca, infine, è un avvocato affermato e conduce una vita perfetta, caratterizzata da lusso e ricchezza; una vita che però comincia ad avere qualche crepa…

Il tema trattato. Chi leggerà il libro potrà capire cosa lega queste quattro amiche con la bellezza e la magia della maternità. Ebbene sì, perché è proprio questo il tema che viene affrontato in Madri a rendere. Il diventare mamma qui viene visto in un’accezione meno “convenzionale” ma comunque valida. Le quattro donne, infatti, si troveranno a condividere questo traguardo, questo dono che cambia la vita di una donna. Come? Tocca a voi scoprirlo!

E’ interessante riflettere sulle caratteristiche di questi quattro personaggi; ciascuno di essi infatti rappresenta uno degli aspetti che entra in gioco in un qualunque discorso etico.

Anna rappresenta la psicologia, quindi quello che un determinato avvenimento può comportare nello sviluppo dell’individuo. Francesca rappresenta la legge, quindi quello che è giusto o sbagliato secondo il vivere civile. Cecilia rappresenta i soggetti coinvolti, in questo caso le mamme, coloro, cioè, che vivono la situazione in prima persona. Elena, infine, colei che pone la questione.

L’autrice, secondo il mio parere (e secondo quello che il libro mi ha trasmesso), attraverso la personificazione di questi filoni di pensiero così diversi, vuole evidenziare come la loro collaborazione (ognuno nel proprio campo) possa portare a grandi e positivi risultati.

Concludo dicendo che Madri a rendere è un libro molto piacevole, si legge in poco tempo, ed è scrigno di un potente messaggio.

Scheda e descrizione.

TITOLO: Madri a rendere

EDITORE: Cinquemarzo Edizioni

FORMATO: Cartaceo (106 pagine)

AUTORE: Beatrice Tauro

GENERE: Narrativa Italiana

PREZZO DI COPERTINA: € 12,00

Anna, Cecilia, Francesca ed Elena. Quattro amiche ai tempi dell’università che si sono perse di vista e che si ritrovano dopo oltre dieci anni di lontananza per trascorrere insieme un fine settimana all’insegna dei ricordi, dei rimpianti e dei rancori. Nel corso del fine settimana che le vede di nuovo tutte insieme, le quattro donne si raccontano, confrontando i reciproci vissuti, la diversa quotidianità che le contraddistingue. In un crescendo di condivisione che supera l’iniziale diffidenza, le quattro donne si renderanno protagoniste di scelte di vita davvero rivoluzionarie per le loro esistenze, su un percorso trasgressivo e profondamente umanitario insieme, lanciando una sfida a viso aperto alle convenzioni e agli stereotipi della società tradizionale, valorizzando un concetto di famiglia che può assumere anche delle accezioni insolite e talvolta bizzarre.

In evidenza

Il complicato (quanto magico) legame tra madre e figlia… in Andiamo a vedere il giorno

Buonasera cari lettori e lettrici per passione, torno a farmi sentire (anche se sarebbe più appropriato dire “farmi leggere”), dopo un bel po’ di tempo.

Nella mia vita, in quest’ultimo mese, sono successe una serie di cose che mi hanno portato a prendere una pausa perché dovevo un attimo ricomporre (o almeno ci sto provando) i vari pezzi della mia vita.

Ma ora sono qui e non voglio tediarvi con i miei problemi e ho voglia soltanto di pensare a cose belle e parlarvene.

Bella è stata infatti la lettura di “Andiamo a vedere il giorno” di Sara Rattaro edito Sperling & Kupfer. Ed è di questo libro che vi parlerò oggi.

Andiamo a vedere il giorno è il seguito di “Non volare via”, un romanzo, che mi è capitato di dire spesso, mi ha toccato nel profondo e lo porto sempre dentro di me. In questo “secondo episodio” Sara Rattaro racconta la storia di Alice, diventata ormai una giovane donna, sposata da due anni con Andrea e che frequenta l’università; ed è proprio in questo contesto accademico che incontra Robert, enigmatico professore di statistica, che entrerà nella sua vita con la forza di un uragano mettendo tutto quanto in discussione.

Alice, accompagnata dalla madre Sandra, con la quale ha sempre avuto un rapporto particolare, con qualche incomprensione dovuta a cose non dette, intraprenderà un viaggio sia fisico, ma soprattutto interiore, che metterà finalmente un punto alle tante questioni rimaste sospese e che porterà alla scoperta di una nuova figlia ma anche di una nuova madre.

Puoi girare il mondo, accedere a qualsiasi mezzo di trasporto, stringere mani di ogni colore, ma l’unico viaggio che conta davvero sarà quello che farai con te stesso.

S. Rattaro, Andiamo a vedere il giorno, pag. 126.

Sara Rattaro, come sempre, è riuscita a toccare le corde giuste. La storia che racconta è piena di sentimenti. Sentimenti che vanno dall’amore incondizionato, come può esserlo tra genitore e figlio, alla rabbia e delusione. Quello che, però, mi ha più colpito è stata la forte passione che si evince nella lettura. Quella passione indomabile, mi spingo a dire anche viscerale che spesso predomina su tutto; ma è anche quella passione che genera inadeguatezza, insicurezza. Lo scontro, infatti, tra il cuore e la mente, tra l’irrazionale e il razionale, tra ciò che è giusto per gli altri e ciò che è giusto per se stessi, si percepisce in maniera forte, e il malessere generato da questa situazione è inevitabile.

In fondo, cosa è giusto far prevalere, l’istinto o la ragione? Chi può dirlo! (forse è più facile risolvere il dilemma “se è nato prima l’uovo o la gallina”).

Quindi, mi sembra superfluo dire che la Rattaro ha una scrittura travolgente, che riesce a fare immedesimare il lettore nel racconto talmente tanto da fargli provare le stesse emozioni e sensazioni dei vari personaggi (o perlomeno è stato così per me).

Si può leggere autonomamente o si deve prima leggere Non volare via?

Ni, e vi spiego il perchè.

Io ho interpretato Andiamo a vedere il giorno come un lavoro necessario, nel senso che viene raccontata una storia che fa da conclusione, in cui vengono spiegate molte cose rimaste irrisolte nel primo libro; l’ho visto, insomma, come quell’elemento essenziale per chiudere il cerchio.

Però, l’autrice ha pensato bene di risolvere questo problema inserendo nella narrazione dei pezzi che raccontano gli avvenimenti fondamentali della storia precedente. Quindi, penso che si può benissimo leggere da solo, ma se volete buttarvi a capofitto in questa famiglia un po’ complessa e con qualche crepa qua e là, allora dovete assolutamente leggere anche Non volare via.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Andiamo a vedere il giorno

EDITORE: Sperling & Kupfer

FORMATO: Carteceo

PREZZO DI COPERTINA: € 16,90

AUTORE: Sara Rattaro

GENERE: Narrativa Italiana

PAGINE: 196

Alice è stata una figlia modello e una perfetta sorella maggiore, quella che in famiglia cercava di tenere insieme tutti i pezzi mentre il padre stava per abbandonarli, quella che per prima ha trovato il modo di comunicare con il fratellino, nato privo di udito, e di farlo sentire «normale». Ha pensato agli altri prima che a se stessa, ha seguito le regole prima che il cuore e adesso, di fronte a una passione che ha scardinato tutti i suoi schemi e le sue certezze, si ritrova a mentire, tradire, fuggire. Ma sua madre, Sandra, non ha alcuna intenzione di lasciarla sola. Su quel volo per Parigi c’è anche lei, e insieme iniziano un viaggio che è un guardarsi negli occhi e affrontare tutti i non detti, a partire da quel vuoto che ha rischiato di inghiottire la loro famiglia tanti anni prima. Alice si illude che, ritrovando la persona che si era insinuata nelle crepe della loro fragilità, possa dare una risposta a tutti i perché che si porta dentro, magari capire ciò che sta accadendo a lei ora, vendicare il passato e punire se stessa. Le occorreranno chilometri e scoperte inattese, tuttavia, per comprendere che non è da quella ricerca che può trovare conforto. Perché una sola è la verità: la perfezione non esiste, solo l’amore conta, solo l’amore resta. E la sua famiglia, così complicata, così imperfetta, saprà dimostrarle ancora una volta il suo senso più profondo: essere presente, sempre e a ogni costo. Per continuare insieme il cammino, qualunque sia la destinazione.