Categorie
Segnalazioni

Anxiety

TITOLO: Anxiety

AUTORE: Niko Giordano

EDITORE: Self publishing/ Amazon

DATA DI PUBBLICAZIONE: 26 Marzo 2018

FORMATO DIGITALE

img_5254

SINOSSI: Pensi veramente di conoscere il tuo LATO OSCURO? Credi davvero che tutto ciò che conosci sia veritiero? E se ciò che hai sempre creduto reale non fosse la vera realtà?

Il libro, le cui vicende si svolgono a Londra ai giorni nostri, narra le tormentate vicende di un ragazzo di diciotto anni, Robert Blake, affetto da una grave forma di Disturbo d’Ansia Generalizzato e Disturbo di Panico, della sorella maggiore affetta da Bipolarismo e della sua nuova ragazza, una fotomodella che soffre di Anoressia e rifiuta la sua immagine o meglio, l’immagine di sé che gli altri hanno creato.

L’abbandono da parte degli amici, della famiglia e l’improvvisa e tragica morte di una persona a lui cara, mineranno la precaria salute mentale di Robert e lo porteranno in un complesso viaggio introspettivo che lo porterà a scoprire il suo lato oscuro. Comincerà ad interagire con un entità malvagia dal nome di “The Ghost- Il Fantasma”, esplorando le parti più buie della sua mente, creando attorno a sé un muro psicologico dietro al quale si sentirà protetto, autoproclamandosi giustiziere e paladino notturno della legge, combattendo il crimine delle strade di Londra. Finchè non sfocierà nel patologico. Si arriva poi, dopo un colpo di scena dietro all’altro, al finale inaspettato.

Il libro è una panoramica sulla complessità della psiche umana, sulla sua irrazionalità,sulle sue varie , imprevedibili e a volte indecifrabili sfaccettature e frammentazioni. Ma più in generale sul complesso rapporto adolescenziale con la propria famiglia, i coetanei e la moderna ed opprimente “società dell’apparire” in cui bisogna sempre essere perfetti.

L’intera vicenda si basa sul concetto di Lato Oscuro (collegato all’opera musicale The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd) ,Bilateralità e Frammentazione della personalità, dell’anima e della psiche di un individuo.


Eccovi qualche estratto i modo da farvi un’idea.

Vi racconterò la storia di come la mia vita è cambiata e ha preso uno strano percorso.

Vi racconterò di come sono impazzito, trasformato, morto e rinato più forte di prima.

Vi racconterò la storia di un folle scatenato e di un fragile bambino.

– Anxiety, pag. 3


Per me era un’impresa andare a scuola, affrontare la vita, e stare su un banco. Stavo talmente male che sarei potuto svenire e cadere a terra davanti a centinaia di persone da un momento all’altro della mattinata. Era già una vittoria arrivare a fine mattinata, figuriamoci stare attenti o fare uno sport. E vi assicuro che non sto esagerando, è tutto quanto vero. Pochi,per loro fortuna,capiranno quel che provavo.

Tutti quanti mi dicevano sempre che non combattevo, che ero uno arrendevole, che mi lamentavo troppo e che facevo troppo la vittima. Ma io stavo combattendo battaglie più grosse delle loro. Non potevano capirlo.

– Anxiety, pag. 7

Se vi ho convinti, potete acquistare questo libro su: http://www.amazon.it/

Alla prossima segnalazione!

Categorie
Recensioni

La Foresta delle Magus

TITOLO: La Foresta delle Magus

AUTORE: Romolo Di Francesco, Maria Grazia Tiberii

EDITORE: Di Felice Edizioni

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2017

PAGINE: 632

VOTO: 4,5/5

5d60f998-fd39-42c6-964f-7321a20c34b2

“La Foresta delle Magus” non è soltanto un thriller storico, ma anche un affascinante viaggio in un passato perduto, tanto lontano da apparire misterioso.

Romolo Di Francesco e Maria Grazia Tiberii

TRAMA32241 a.C. Un manipolo di uomini e donne, sotto la guida del giovane Tarek, sfida le regole della natura per sottrarsi alla morsa del dio Gelo; lottando contro feroci animali oggi estinti riusciranno a fondare il villaggio del lupo sulle sponde dell’antico lago Tiberino, grande come un mare, all’ombra di immense sequoie.

2009 d.C. Un gruppo di ricercatori fiorentini si imbatte nella mummia di un ragazzo della preistoria, rinvenuta durante alcuni scavi nei pressi della foresta fossile di Dunarobba (unico caso al mondo esistente presso Terni); da quel momento una sorta di maledizione sembra abbattersi su di loro, dilagando senza controllo. Le due storie evolvono in parallelo senza che nessuno possa capire chi è morto e perché; senza che nessuno possa dare un senso logico alla maledizione che dilaga mietendo silenziosamente numerose vittime.

LA MIA OPINIONE. La caratteristica che attira fin da subito l’attenzione, leggendo questo libro, è la curata e raffinata attenzione ai dettagli. Nulla viene lasciato al caso. Ogni singolo aspetto di un’ambientazione, o di una scena, viene descritto minuziosamente. Già dalle prime pagine si ha la sensazione di essere immersi all’interno di questa spettacolare foresta, di calpestare la terra, di sentire la brezza leggera del vento, o il freddo glaciale.

“Le tende da viaggio erano state montate al riparo da una parete di dura roccia calcarea, che dal terreno s’innalzava inclinandosi verso l’esterno quasi a formare una tettoia naturale. la grigia parete rocciosa, picchiettata da sporadiche tracce del rosa della dolomite e del nero della selce, bordava una vasta radura quasi pianeggiante, incastonata in un pendio interamente coperto da un bosco di maestose conifere e di imponenti latifoglie, dominato da abeti e larici con un fitto sottobosco di cespugli di ginepro, corbezzolo, timo, mirtillo e sambuco”.

– La Foresta delle Magus, pag. 43

Questa è solo una delle tante belle descrizioni che si potrebbero estrapolare da questo libro. Io trovo questo aspetto molto importante, nei libri in genere, ma soprattutto in questo, perché, narrando, la storia, di fatti avvenuti migliaia di anni fa, è indispensabile, ai fini del successo del lavoro, inquadrare dettagliatamente i luoghi e gli avvenimenti della storia, che altrimenti risulterebbero difficilmente immaginabili.

Un altro aspetto che ho trovato all’interno della narrazione e che mi ha molto colpito è l’attenzione nei personaggi. I vari personaggi della storia, siano essi animali o persone,  sono descritti ed esposti a 360 gradi. Vengono presi in esame, in maniera ottimale, oserei dire, sia dal punto di vista puramente oggettivo, con la descrizione dell’aspetto, sia dal punto di vista psicologico; sono presenti, infatti, molti dialoghi interiori, in cui i protagonisti ripensano a qualche scena avvenuta nel loro passato, o descrivono il proprio stato d’animo. Come dicevo sopra, anche gli animali, in questo romanzo, sembrano prendere vita; li vediamo riflettere su quello che sta succedendo attorno a loro, provare sentimenti..

La narrazione si divide in due parti: una parte che descrive l’origine della vita e la storia dei nostri progenitori, e una parte che narra la storia del ritrovamento della mummia ai giorni nostri. La prima parte, quella che fa riferimento a migliaia di anni fa, a sua volta, tramite flashback fa rivivere degli episodi accaduti nel passato e che hanno, comunque, determinato il presente. Questo aspetto contribuisce a creare un’atmosfera ancora più travolgente trasportando il lettore in un luogo e tempo carico di magia. La seconda parte, quella relativa al presente, narra invece le vicende di un’equipe di professionisti che, partendo dallo studio della mummia emersa, si ritrovano a fronteggiare qualcosa di importante e dalla portata enorme.

Soffermandomi sulla storia in sé per sé, la trovo molto affascinante, ricca di mistero e di magia. Non mancano inoltre, i colpi di scena. Un libro che saprà togliere ogni certezza fino all’ultima pagina (ve lo garantisco!).

Ho dato, come voto, 4,5 stelle su 5, solo per un piccolo aspetto, che a me personalmente non ha dato molto fastidio, però sono consapevole che potrebbe dare a qualcuno la sensazione di rallentamento della narrazione. Sto parlando del fatto che, delle volte, queste descrizioni accurate vengono ripetute nell’arco della narrazione. E’ comunque una piccolezza in confronto alla spettacolarità del libro, sia negli argomenti trattati, che nelle modalità con cui vengono trattati. Mi sembrava corretto spiegare perché non ho dato un voto di 5 su 5 (mi prendo quindi la responsabilità di dire che sfiora la perfezione).

Concludo dicendo che ho trovato questo libro travolgente, magico, per niente scontato.. ma soprattutto una buona compagnia. Consigliatissimo.

Potete acquistarlo nei maggiori stores online.

Per maggiori info visitate: https://www.laforestadellemagus.it/

Categorie
Segnalazioni

I doni della Madre Terra

Ciao cari Amici Lettori!!

Questo venerdì vi segnalo un libro molto interessante. Sto parlando di: I doni della Madre Terra di Chantal Lazzaretti.

TITOLO: I doni della Madre Terra

AUTORE: Chantal Lazzaretti

EDITORE: Linee Infinite

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2017

PAGINE: 402

chantal

“È una storia fantastica, un’avventura travolgente che ci porterà a scoprire quello che ora spesso diamo per scontato: il nostro pianeta.

Viviamo le nostre vite frenetiche tra continui impegni quotidiani che non ci permettono di fermarci. Spesso siamo così presi dalla vita di tutti giorni che non ci diamo il tempo di osservare ciò che ci circonda: un fiore che sboccia, la pioggia che cade, le foglie che cambiano colore con il passare delle stagioni e il tramonto, l’alba, la notte; uno spettacolo che Madre Natura ci regala ogni giorno.

Con questa storia di pura fantasia si ha la possibilità di vedere tutto questo, di sentire la nostra terra più vicina a noi di quanto sembri osservandola con gli occhi del futuro.

Cosa ne sarà di noi? Quali sfide dovrà affrontare il genere umano? Questa è la mia risposta!

Un ritorno alle origini, sulla nostra Terra con una vita più semplice senza l’utilizzo costante della tecnologia. Gli uomini vengono da un pianeta che non è quello attuale per ritrovare se stessi e quello che negli anni hanno perduto.

Un’avventura fantastica, ricca di amore ma anche paura. La Terra è disabitata da millenni tante cose sono cambiate ed è dura ritornare alle origini.

Non mi sono dimenticata d’inserire all’interno di queste pagine anche una buona dose di fantasia che fa sognare e ci porta in un mondo fantastico che pare essere solo frutto dell’immaginazione o forse no!?

Una meravigliosa storia d’amore ci farà perdere la testa e due straordinari occhi blu compariranno misteriosamente portando alla luce interrogativi difficili da risolvere. Si scoprirà in che forme è rimasto il genere umano ma soprattutto quali scelte dovrà compiere la protagonista Alexy; perché niente è quello che sembra…”

Chantal Lazzaretti

TRAMA: In un futuro lontano, il genere umano si trova coinvolto in un’avventura straordinaria alla riscoperta del pianeta Terra. Gli uomini arrivano da un mondo senz’anima, tecnologicamente avanzato ma ormai privo di risorse, per ritornare alle origini. Vogliono ripercorrere le orme dei propri avi, riscoprendo la vita senza le barriere e i filtri imposti dall’utilizzo costante della tecnologia. Madre natura è pronta ad accogliere i propri figli regalando loro gioie e sfide da affrontare. Tutto è nuovo e molte cose sono cambiate sulla Terra. Alexy vive sulla propria pelle quest’avventura e, insieme ai suoi compagni, scopre i misteri di questo nuovo pianeta. Il mare è senza dubbio l’attrattiva più grande e i suoi segreti richiamano l’attenzione della ragazza. Qualcosa la segue costantemente nelle sue esplorazioni marine e un ragazzo dai profondi occhi blu le compare davanti misteriosamente. Una presenza magnetica, ipnotica, che porta Alexy a innamorarsi di lui perdendo di vista la realtà. Fantasia e certezze si alternano. Nuovi luoghi ed esseri straordinari si susseguono mettendo in dubbio la presenza del ragazzo dagli occhi blu. Molte domande tormentano Alexy.

Per farvi un’idea più chiara, ecco un breve estratto:

“La nostra corsa all’impazzata si ferma proprio sulla rupe ed eccolo: l’odore del mare, così familiare, così carico di ricordi.

Una dolce brezza marina ci scompiglia i capelli. Respiro a pieni polmoni questo momento. L’ossigeno che mi entra nel corpo mi rinfresca tutta e la mia mente così timorosa e piena di preoccupazioni lascia spazio all’entusiasmo, all’eccitazione.

L’immagine che mi si presenta davanti è eccezionale. Un paradiso, un sogno, non tanto per il paesaggio, perché la sabbia bianca e il mare turchese ci sono anche dalle nostre parti, ma è una vista rassicurante. Una visione consolatoria di qualcosa di simile a quello che già conosciamo. Il mio istinto mi dice di non avere paura è una cosa già vista, toccata e odorata.

Dixy mi scuote dai miei pensieri indicandomi un sentiero poco distante contornato da alberi di vario genere. Dice che ci porterà in spiaggia e mia madre dietro le mie spalle conferma a gran voce che è la via giusta. Anche mio padre sta correndo verso di noi con un sorriso stampato in volto.

Ci avviamo insieme giù per questo piccolo sentiero di terra marrone. Il calore è soffocante in mezzo a tutte queste piante e la strada è piena di pietre e ghiaia, bisogna stare molto attenti. E’ ripida e in alcuni punti ci dobbiamo aiutare a vicenda, ma la curiosità è troppa.

Dall’alto il cammino sembrava breve, ma ci rendiamo presto conto che ci vuole parecchio tempo per scendere in sicurezza. L’ultima discesa ombreggiata e arriviamo alla fine del percorso, stanchi ma felici. Dopo la fatica c’è sempre la giusta ricompensa, Madre Natura è sempre imparziale in questo.

Mi tolgo subito le scarpe senza neanche prendere fiato e mi metto a correre per la spiaggia, come se fossi una bambina che gioca nel suo mondo fatato. Non mi rendo conto dei pericoli di un mondo inesplorato da millenni e mio padre da lontano mi urla subito di fare attenzione.

Nulla sembra spaventarmi, qui sono felice. Ho trovato un angolo di questo luogo che mi appartiene. La chiamerò spiaggia di Aldixy, così anche la mia sorellona non avrebbe avuto da obbiettare.

Che meraviglia! Eccoci qua tutti insieme, all’inizio di questa grande avventura, alla scoperta di questo pianeta, alla scoperta della nostra Madre Terra, che ci diede la vita, che noi distruggemmo con ingratitudine, e che ora come tutte le mamme del mondo, con le braccia aperte, accoglie amorevolmente i suoi figli dimenticando tutto il male e i torti subiti.”

Se vi ho messo un po’ di curiosità, il libro potrete trovarlo in vendita nei maggiori stores online.

Alla prossima segnalazione!!

Categorie
Segnalazioni

Ci pensa il cielo

Ciao cari amici lettori.. Oggi vi parlo di un libro che si presenta molto interessante e che non vedo l’ora di leggere.

TITOLO: Ci pensa il cielo

AUTORE: Liliana Onori

EDITORE: Librosì Edizioni

DATA DI PUBBLICAZIONE: 8 Marzo 2018

cover ci pensa il cielo

TRAMA: Irlanda, primi del 1900. Hope, ragazza ribelle di una famiglia nobile entra a far parte del movimento delle suffragette. Coraggiosa ma inesperta, stringe una pericolosa amicizia con l’attivista Ashling, mentre si innamorerà del suo stesso nemico, Jude il poliziotto bello e orgoglioso incaricato dal governo di sedare le ribelli. Ma il destino ha in serbo per la tenace Hope altre sorprese, il mare riporta a casa un fantasma del passato, di un amore che non è stato dimenticato. “Ci pensa il cielo” è l’atteso sequel di “Come il sole di mezzanotte” e ci riporta indietro nel tempo e nello spazio per farci vivere un’altra intensa storia d’amore e di passioni.

CONOSCIAMO UN PO’ L’AUTORE.

“La prima volta che ho preso una penna in mano ho capito che l’unica cosa che avrei voluto fare era scrivere”.

Liliana Onori

Liliana Onori: il suo amore per i libri e la scrittura ha radici lontane. Sin da bambina scriveva brevi racconti fantasy per i suoi compagni di scuola. Liliana ha sempre fatto della scrittura la sua attività principale, cimentandosi in generi diversi fino ad arrivare nel 2008 alla pubblicazione del romanzo ‘Ritornare a casa’. Nel 2015 inizia la sua collaborazione con la casa editrice LibroSì Edizioni per cui, nello stesso anno, pubblica ‘Come il sole di mezzanotte’.

Lei stessa ci racconta:

Io non ho mai voluto fare altro nella vita se non scrivere. Prima di imparare a scrivere, creavo storie a voce, con le bambole oppure con i mestoli di legno di mia nonna, poi ho iniziato a farlo con i ritagli di giornale (ritagliavo figure e visi e gli davo io la voce praticamente), ma appena ho imparato a scrivere è stato come una nascere una seconda volta, anzi, forse per la prima volta. Alle elementari, ai temi di italiano, ero tra le più brave mi facevano sempre scrivere racconti fantasy e poi me li facevano leggere in classe. Mi ricordo che prendevo i nomi dei personaggi dalle marche degli oggetti intorno a me.

Contemporaneamente ho iniziato a scrivere anche brevi storie d’amore e di avventura in perfetto stile Goonies, sono certa conoscerete il film.

Crescendo, le storie d’amore, mi sono accorta, mi venivano scritte meglio rispetto agli altri generi e se anche mi cimentavo in racconti horror/gotici (che sono i miei preferiti) comunque alla fine il nodo centrale diventava sempre la storia d’amore tra l’eroina e l’eroe, per cui mi sono arresa a scrivere quello che mi viene più naturale, diciamo così.

Nel 2008 ho vinto un concorso letterario che ha portato alla pubblicazione del mio primo romanzo RITORNARE A CASA, per Aletti Edtore. Anni dopo, ho conosciuto per vie fortunatissime, la casa editrice LibrosìEdizioni e con loro ho pubblicato nel 2015 COME IL SOLE DI MEZZANOTTE che ha venduto più di duemila copie tra ebook e cartaceo, e, proprio ieri, è uscito CI PENSA IL CIELO che è il sequel.

Ho studiato Lettere all’Università ma ho lasciato per andare a lavorare.

Scrivere per me non è una passione, è la mia natura. Per questo la cosa che più conta per me è che le persone amino quello che scrivo che si appassionino ai racconti e si leghino ai personaggi esattamente come succede a me coi libri degli altri.

Il sogno più grande dietro quello di diventare scrittrice è avere persone che aspettano con ansia che esca un mio libro, esattamente come mi sento io quando so che sta per uscirne uno dei miei autori preferiti.

Per farvi un’idea su questo libro, di seguito troverete un piccolo estratto.

”L’incisione sull’albero rappresentava la memoria di un amore passato. Di due amori, in realtà. Sua madre le aveva raccontato la storia tante volte. La storia di un amore perduto e quella di un secondo amore, inatteso e ancora più grande. Quella A e quella J, racchiuse in un cuore, erano ciò che di più romantico Hope avesse mai visto. Almeno, fino a quando aveva incontrato Jude, ma erano passati decenni da quel giorno. Tutte le volte che si sedeva sotto le fronde dell’albero che sua madre chiamava Alfred, in onore di un bisnonno mai conosciuto, i ricordi le si ammassavano in testa tutti insieme. Ma la cosa ormai non era più tanto piacevole. Il dottore le aveva detto che presto quei ricordi sarebbero spariti, mangiati da un male chiamato Alzheimer, quindi voleva ricordare finché poteva ancora farlo, perché presto le immagini nella sua testa si sarebbero dissolte diventando una nebbia fastidiosa. Le immagini di Jude, di Ashling, dell’adorato zio Stephen, dei suoi dolci genitori, che avrebbe tanto voluto ancora al suo fianco, specialmente in quel momento, per dire loro che aveva paura, che non voleva dimenticare. Suo marito era appena stato seppellito e i suoi figli presto sarebbero tornati alle loro vite, alle loro case lontane. Voleva un attimo di pace, un attimo di respiro, un attimo ancora insieme a Jude e a tutte le persone amate. Un attimo che sapeva non sarebbe ritornato. Un attimo che avrebbe voluto fosse lungo come gli anni trascorsi fino a quel momento in cui si era seduta sotto Alfred e aveva permesso a se stessa di tornare quasi sessant’anni indietro, quando tutto aveva avuto inizio.”

Spero che vi abbia convinto.

Il libro lo potete acquistare nei maggiori stores online.

Alla prossima segnalazione, la vostra Lettrice Per Passione!

Categorie
Recensioni

Nessuno sa di noi

TITOLO: Nessuno sa di noi

AUTORE: Simona Sparaco

EDITORE: Giunti Editore

DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 Giugno 2014

PAGINE: 256

VOTO: 4/5

img_4420

TRAMA: Quando Luce e Pietro si recano in ambulatorio per fare una delle ultime ecografie prima del parto, sono al settimo cielo. Pietro indossa persino il maglione portafortuna, quello tutto sfilacciato a scacchi verdi e blu delle grandi occasioni. Ci sono voluti anni per arrivare fin qui, anni di calcoli esasperanti con calendario alla mano, di “sesso a comando”, di attese col cuore in gola smentite in un minuto. Non appena sul monitor appare il piccolo Lorenzo, però, il sorriso della ginecologa si spegne di colpo. Lorenzo è troppo “corto”. Ha qualcosa che non va. Comincia così il viaggio di una coppia nella nebbia di una realtà sconosciuta. Luce e Pietro sono chiamati a prendere una decisione irrevocabile, che cambierà per sempre la loro vita e quella di chi gli sta intorno. Qual è la cosa giusta quando tutte le strade li conducono a un vicolo cieco? E l’amore fino a che punto potrà salvarli? “Nessuno sa di noi” è la storia della nostra fragilità. Di un mondo che si lacera come carta velina e di un grande amore che tenta in ogni modo di ricomporlo.

LA MIA OPINIONE: Questo libro affronta un tema molto delicato, e cioè cosa provano due genitori quando scoprono che il bambino che aspettano, è affetto da una grave malformazione. Dentro di loro esplodono emozioni e sentimenti contrastanti, vengono invasi da molti sensi di colpa derivanti dalla consapevolezza che, qualunque sia decisione prenderanno, sarà comunque un dramma.

Il libro è scritto in maniera molto semplice e trasparente. Semplice perché il linguaggio usato è molto lineare e di facile comprensione, caratteristiche queste, che contribuiscono a far sì che il lettore riesca ad immedesimarsi maggiormente nella storia. Trasparente perché riesce a trasmettere pienamente le forti emozioni provate dai protagonisti del romanzo (e soprattutto dalla futura madre): tutto quel carico emotivo che li investe e attraversa.

Dalla polvere delle strade, dal mare che sbuca dietro una curva e ti assale con le sue rocce spioventi, le sue chiazze turchesi, il mare che ti spella l’anima.

Il contenuto, come ho anticipato sopra, è molto intenso e delicato allo stesso tempo. Affronta una questione etica importante ma poco conosciuta. Io personalmente amo molto i romanzi con queste tematiche di forte impatto sociale. Il romanzo parla di una scelta. Scegliere cosa fare dopo aver sentito la diagnosi di malformazione del feto: continuare la gravidanza o abortire e quindi privare un essere umano della vita? Luce e Pietro decidono. Fanno una scelta che cambierà per sempre e inevitabilmente il corso della loro vita.

Questo romanzo è anche la storia di quello che succede dopo questa scelta tormentata. Fa vedere le modalità con cui i protagonisti affrontano le conseguenze delle loro scelte. Riusciranno a riprendere in mano le loro vite dopo questa forte tempesta che li ha travolti?

Consiglio questo libro a tutti coloro che prediligono leggere romanzi profondi e che scuotono inevitabilmente le coscienze. Io credo che sia uno di quei libri che vanno letti per conoscere un aspetto della vita che, (per fortuna) anche se lontana da noi , esiste.

Categorie
Segnalazioni

Occhi d’Ametista

Ciao a tutti amici lettori!! Oggi torna il mio angolo segnalazioni con un libro molto interessante e che vi consiglio di leggere.

TITOLO: Occhi’ d’ametista

AUTORE: Roberta Fierro

EDITORE: GDS

DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 Novembre 2017

PAGINE: 440

9788867826704_0_0_0_75

“Storia affascinante che mescola leggenda e realtà, insieme agli elementi fantasy. Per scriverlo ho studiato le tradizioni dei nativi americani, e inoltre ho cercato di dargli un alone di mistero in modo da incuriosire e invogliare a scoprirne di più. All’interno non mancheranno colpi di scena”.

Roberta Fierro

TRAMA: Tante vite vissute distanti e separate, molteplici destini legati indissolubilmente. Emma e Rebecca inconsapevoli dell’oscurità del mondo, verranno catapultate improvvisamente nella storia antica di cui fanno parte. Ma in questo misterioso e imprevedibile viaggio non saranno sole. Conosceranno il coraggio, la forza, il dolore, la disperazione, l’amore, la fiducia; i loro sentimenti e le loro paure saranno messe a dura prova. Affronteranno mille ostacoli pur di salvare le persone che amano, e sfideranno il male traendo forza dalla speranza. La battaglia per spezzare la maledizione avrà inizio attraverso gli occhi di chi ci crederà davvero.

Per farvi un’idea vi lascio un breve estratto:

Ricordo che un certo Georges Rodenbach diceva: “Gli occhi sono le finestre dell’anima”, e fin da piccola credevo che fosse un’affermazione stupida e insensata. “Come poteva avere finestre,l’anima, se non aveva neanche una porta?” mi chiedevo innocente. Per questo avevo sempre cercato di conoscere una persona scavando nelle viscere del suo cuore, scoprendone a poco a poco ogni parte.

Giorno dopo giorno, avevo imparato a raccogliere un brandello della personalità altrui e a farlo mio, ed il mio più grande errore era conoscere gli altri più di quanto conoscessi me stessa. A quanto pareva, nella mia convinzione di studiare cuori, avevo tralasciato un piccolo fondamentale dettaglio: gli occhi potevano nascondere insidie e segreti, ben peggiori di un semplice cuore pulsante.

Questo romanzo potete acquistarlo nei maggiori stores online.
Per maggiori informazioni cliccate in questi link:
Instagram: https://www.instagram.com/l.aspirante.scrittrice/
Blog: http://laspirantescrittrice.altervista.org/