Categorie
narrativa straniera Recensioni

Una ragazza riservata: una “guerra” lunga quarant’anni

<< Il bene e il male, il buio e la luce >> meditò Perry << Non si può avere l’uno senza l’altro, mi sa. Forse siamo tutti dualismi.>>

K. Atkinson, Una ragazza riservata, pag. 129

Buonasera lettori e lettrici per passione, sto scrivendo questa recensione mentre la pioggia picchia sul davanzale della finestra, il che crea una speciale atmosfera che mi rende ancora più concentrata. Oggi vi parlo di un libro uscito da pochissimi giorni: “Una ragazza riservata” di Kate Atkinson edito Editrice Nord.

Il romanzo è suddiviso in tre parti che si alternano tra loro e che rappresentano tre fasi importanti della vita della protagonista: Juliet Amstrong, una donna londinese che ha partecipato negli anni Quaranta, più o meno indirettamente, alla Seconda Guerra Mondiale. Juliet, infatti, poco prima del conflitto, verrà assunta dai servizi segreti inglesi per riportare informazioni riguardanti i tedeschi, ed in particolare i filo-nazisti.

Questo romanzo richiama bene l’idea di un cerchio che si chiude, tutto infatti finisce dove è iniziato.

Una ragazza riservata, infatti, inizia dalla fine, per poi continuare con l’alternarsi di due decenni, per finire dove tutto è iniziato, sia metaforicamente, che strutturalmente.

Tutto si svolge a Londra; una Londra che prende diversi volti, in base al periodo di riferimento: quella più abbattuta degli anni Quaranta, in procinto del conflitto mondiale e quella che si vuole buttare tutto alle spalle, degli anni Cinquanta, ma che non sempre ci riesce.

I personaggi sono molto particolari. Ogni singola persona con cui Juliet si relaziona, ha una caratteristica spiccata e ben delineata, che la rende degna di nota e abbastanza riconoscibile anche nel susseguirsi della storia.

Quello che più emerge in questo romanzo è il mistero, la doppia vita. Questo aspetto viene raccontato così bene dall’autrice, tanto che ad un certo punto non si riesce più a distinguere cosa è vero da cosa non lo è.

Il linguaggio utilizzato è molto semplice e scorrevole. Mantiene un tono serio, intervallato da qualche battuta ironica. Il ritmo è incalzante al punto giusto. Una ragazza riservata è un romanzo che mi sento di consigliare. L’ho trovato molto accattivante e curioso, dove i misteri e le verità nascoste fanno da padroni.

Scheda tecnica e descrizione.

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

Londra, 1981. Una donna giace sull’asfalto. È stata investita mentre attraversava la strada, proprio il giorno del suo ritorno in Inghilterra, dopo anni passati all’estero. Un tragico incidente, che presto verrà dimenticato da una città in fermento per il matrimonio del secolo. O forse non è stata una casualità. Perché quella donna era depositaria di tanti, troppi segreti.

Londra, 1940. La diciottenne Juliet Armstrong viene reclutata dai servizi segreti per un lavoro all’apparenza semplice: sbobinare registrazioni. In realtà, si tratta di un compito delicato, perché quelle registrate sono le conversazioni tra un agente infiltrato e un gruppo di cittadini inglesi simpatizzanti del Reich. Per il governo, è essenziale individuare e tenere d’occhio una potenziale quinta colonna filonazista in patria. Soprattutto ora che Londra è il bersaglio delle bombe tedesche. Dapprima disorientata, Juliet s’immerge sempre più in un mondo all’apparenza innocuo, eppure in cui ogni gesto, ogni parola è ambigua e pericolosa. E dopo alcune settimane ha l’occasione di mettersi alla prova come agente operativo, in una rischiosa missione sul campo. E nulla andrà come previsto.

Londra, 1950. A cinque anni dalla fine delle ostilità, la crisi economica e le conseguenze della guerra opprimono ancora il popolo inglese. Juliet lavora per la BBC, allo sviluppo di programmi d’intrattenimento per sollevare lo spirito degli ascoltatori. Ma anche per lei è difficile liberarsi del passato, che riemerge nella forma di un messaggio lasciato sotto la porta di casa: Pagherai per quello che hai fatto. Dopo tutto quello che è successo dieci anni prima, Juliet non è sorpresa. E riprende contatto con alcune conoscenze del tempo di guerra, che però non le sono di nessun aiuto. Anzi, un uomo misterioso la coinvolgerà ancora una volta in una missione segreta. La scacchiera è sempre la stessa, ma è cambiato uno dei giocatori: non più la Germania nazista, bensì l’Unione Sovietica.

Attraverso lo sguardo di un personaggio femminile sfaccettato e in continua evoluzione, Kate Atkinson ci coinvolge con maestria in una storia dal ritmo serrato e dalla scrittura poliedrica. Una storia che è una sferzante rappresentazione dell’incapacità degli uomini d’imparare dalle lezioni del passato, condannandosi così a ripetere sempre gli stessi errori.

http://www.editricenord.it/generi/narrativa_generale/una_ragazza_riservata_9788842931379.php