Categorie
narrativa straniera Ragazzi tra le pagine Recensioni

La terza inquilina di C. L. Pattison

Salve lettori e lettrici per passione! Oggi sono qui a parlarvi del primo libro letto per il progetto “Ragazzi tra le pagine“: La terza inquilina di C. L. Pattison edito Fabbri Editori.

Come penso che già sappiate, Ragazzi tra le pagine è un progetto che porto avanti con altri sette bookblogger ed ha lo scopo di diffondere la passione per la lettura. Ogni mese affronteremo insieme a voi un libro diverso esaminandolo a 360 gradi.

In particolare, questo mese abbiamo letto La terza inquilina, una novità della casa editrice Fabbri, nonché il romanzo di esordio di C. L. Pattison.

La terza inquilina è un thriller psicologico che racconta la storia di due migliori amiche, Megan e Chloe, che decidono di cercare una casa in affitto in cui andare a vivere insieme. Dopo vari tentativi, finalmente, trovano la casa dei loro sogni: spaziosa, confortevole e ben posizionata. C’è, però, un unico problema, costa troppo! Motivo per cui decidono di cercare una terza ragazza con cui dividere l’affitto. Entra così in scena Samantha, per gli amici Sammi, una ragazza riservata e misteriosa che sconvolgerà la vita di tutti i protagonisti.

“Non sapevi nulla di lei.

Ma l’hai fatta entrare.”

Il romanzo di C. L. Pattison è un thriller psicologico ambientato a Londra. È un libro che risente molto della struttura del tipico thriller inglese! La struttura e la dinamica è pressoché simile ad altri romanzi del genere. Questo comunque non significa che sia scontato e banale ma soltanto che si sente marcata l’appartenenza inglese.

La terza inquilina è però un romanzo che mi lascia perplessa. Cercherò di spiegarvi in maniera chiara il perché.

Innanzitutto c’è da dire che come ogni buon thriller che si rispetti, non manca il colpo di scena e il finale inaspettato. Soprattutto nelle ultime pagine tutto prende una diversa piega che fino a qualche pagina prima era del tutto impensabile.

Ho trovato il ritmo, invece, un po’ lento nella prima parte (si sofferma tanto su un arco di tempo relativamente breve), per poi prendere una rapita impennata negli ultimi capitoli. Ho avuto infatti la sensazione che, proprio quando la vicenda inizia a farsi interessante ed il ritmo accelera, la narrazione “perda dei pezzi”; cioè come se non prestasse attenzione ai vari dettagli e si limitasse a descrivere sommariamente la nuova situazione che si è delineata.

La terza inquilina è un romanzo che semina indizi qua e là durante lo svolgimento della storia. Ho però avuto la sensazione che, nonostante siano stati ben messi, cosa che ho molto apprezzato, poi non siano stati spiegati chiaramente quando ormai tutte le carte erano state scoperte. Mi sento di definirlo un thriller molto soft, nel senso che i toni non si caricano di elevato pathos.

In conclusione, La terza inquilina, è una lettura senz’altro piacevole ed adatta ad un pubblico di adolescenti ma anche a coloro che col genere non hanno molta confidenza!

Vi invito inoltre a leggere le recensioni degli altri miei compagni di avventura e farvi un’idea sempre più completa del romanzo!

https://instagram.com/a_tuttovolume_libri_con_gabrio?igshid=qft87305pjra

https://instagram.com/labibliotecadelcorsini?igshid=v2kjf1nr33l1

https://instagram.com/libridimarmo?igshid=1dr9a9sfredig

https://instagram.com/luca_massignani?igshid=pddhwshvfkr1

https://instagram.com/matteo_zanini?igshid=1ui9tlja1au1z

https://instagram.com/readeat_libridamangiare?igshid=ru5uu5xpyp73

https://instagram.com/viaggiletterari?igshid=1eepbx9nex48s

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La terza inquilina

Titolo originale: The Housemate

AUTORE: C. L. Pattison

Traduzione italiana a cura di Elena Cantoni

EDITORE: Fabbri Editori

GENERE: Thriller psicologico

DATA DI PUBBLICAZIONE: Novembre 2019

PAGINE: 288 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 19,50

All’apparenza disponibile e cordiale, Sammi inizia a manifestare inaspettati scatti d’ira e qualche segreto di troppo, chiuso gelosamente in una scatola di ritagli di giornali e vecchie fotografie…

Megan e la sua migliore amica Chloe hanno traslocato nella loro casa dei sogni, ma sono costrette a prendere una terza inquilina per riuscire a pagare l’affitto. Quando incontrano Samantha, gentile, affascinante, premurosa, si convincono che sia la persona perfetta per condividere l’appartamento e che tra loro potrebbe nascere una vera amicizia. Ma c’è qualcosa in lei che stona, e Megan è la prima ad accorgersene: all’apparenza disponibile e cordiale, Sammi inizia a manifestare inaspettati scatti d’ira e qualche segreto di troppo, chiuso gelosamente in una scatola di ritagli di giornali e vecchie fotografie. Chloe però è troppo presa dai suoi problemi di lavoro per rendersi conto che qualcosa non va: assorbita dall’allestimento di un importante spettacolo teatrale, ricomincia a essere tormentata dagli stessi problemi di ansia da cui Megan l’aveva salvata anni prima. E Megan, da parte sua, viene travolta da una passionale storia d’amore che non le lascia tempo ed energie per occuparsi dell’amica in difficoltà. È in questo spiraglio che lentamente si apre tra le due, fatto di incomprensioni e di attenzioni mancate, che Sammi inizia a insinuarsi, con un’abilità melliflua e inquietante. In fondo, né Chloe né Megan la conoscono davvero, ma ormai le hanno aperto la porta di casa, e l’hanno lasciata entrare. Non sanno cosa sta nascondendo. Non sanno cosa vuole davvero. Ma una cosa è certa: Sammi è lì per restare.

Categorie
Recensioni

La casa delle voci di Donato Carrisi

[…] ma l’ipnotista riteneva che gli eventi che ci capitano – anche i peggiori – contribuiscano a renderci ciò che siamo. Sono parte di noi, anche se facciamo di tutto per dimenticarli.

Questo estratto fa parte dell’ultimo thriller di Donato Carrisi, La casa delle voci, edito Longanesi.

Prima di parlarvi di questo libro, voglio farvi una premessa: prima d’ora non avevo mai letto nulla di Carrisi!

Perché ve lo dico?

Innanzitutto per chiedere la vostra clemenza (già ho fatto mea culpa!!), e poi perché ritengo corretto essere onesta con voi, in quanto la recensione sarà frutto di quello che mi ha dato questo singolo romanzo e non un confronto con gli altri libri dell’autore.

Detto questo, entriamo nel vivo della discussione!

La casa delle voci racconta la storia di Pietro Gerber, un affermato psicologo infantile di Firenze, specializzato in ipnosi e soprannominato anche l’addormentatore di bambini, che si ritrova improvvisamente tra le mani un caso di una paziente, Hanna Hall, che durante una seduta da un’altra specialista, ha tirato fuori, dai meandri della memoria, il ricordo di un omicidio; il caso gli viene posto dalla stesa psicologica australiana che ritiene lui come l’unica persona in grado di aiutare questa donna sfortunata.

Pietro, nonostante la titubanza iniziale, deciderà di accettare e si troverà invischiato in una vicenda in cui sarà coinvolto in toto e dove nulla, ma proprio NULLA, è come sembra.

Regola numero due: gli estranei sono il pericolo.

Regola numero uno: fidati solo di mamma e papà.

La prima caratteristica che salta all’occhio leggendo questo romanzo è sicuramente l’effetto magnete che trasmette la narrazione; il ritmo, il linguaggio usato, il modo di descrivere luoghi e personaggi, conferiscono all’intera storia una potente forza attrattiva. Una volta che si inizia a leggere la prima pagina, non ci si potrà più fermare!

I personaggi sono molto introspettivi. La loro personalità e, di conseguenza, le loro azioni, sono molto influenzate dal processo interiore che li accompagna per tutta la narrazione.

L’enigma ed il mistero sono preponderanti. Leggendo La casa delle voci si ha la sensazione che ci sia sempre qualcosa di non detto, di non accaduto. Questo mi spingeva a continuare la lettura capitolo dopo capitolo; ma non solo, mi faceva scervellare in una maniera tale da entrarmi, il racconto, come un tarlo nel cervello, un pensiero fisso che mi faceva chiedere costantemente: ma come è possibile?

Il ritmo della narrazione è accelerato sicuramente dalla presenza di capitoli brevi e frasi ad effetto alla fine di quasi ogni capitolo. Inoltre, Carrisi, riesce a far tenere il filo logico della vicenda attraverso varie ripetizioni di elementi importanti riportati nei capitoli successivi all’evento scatenante.

Nel complesso posso dire che mi è piaciuto tanto tanto e Carrisi non mi ha deluso. Credo proprio che recupererò qualcos’altro di suo. Intanto vi consiglio di leggere questo thriller scervellante ed adrenalinico. Promosso a pieni voti!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La casa delle voci

AUTORE: Donato Carrisi

EDITORE: Longanesi

DATA DI PUBBLICAZIONE: Dicembre 2019

GENERE: Thriller

PAGINE: 400 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: 22,00 €

Gli estranei sono il pericolo. Fidati soltanto di mamma e papà.
Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l’ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso protagonisti di eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui la polizia si serve per le indagini.
Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l’addormentatore di bambini.
Ma quando riceve una telefonata dall’altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un’adulta.
Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un’illusione, ha un disperato bisogno di Pietro Gerber.
Hanna è un’adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la «casa delle voci».
Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio.
O forse non ha semplicemente visto.
Forse l’assassina è proprio lei.

https://www.illibraio.it/libri/donato-carrisi-la-casa-delle-voci-9788830448292

Categorie
narrativa straniera Recensioni

Recensione: La tua ultima bugia di Rachel Abbott

A volte è troppo tardi per mentire un’ultima volta.

Eccomi tornata, nella veste di Daisy 2.0, a parlarvi delle letture che mi accompagnano quotidianamente. I libri da commentare insieme sono tanti, ci vorrà un po’ di tempo, ma lo farò (o almeno ci proverò).

La tua ultima bugia è un thriller in cui è il mistero a fare da padrone.

Le protagoniste principali sono due donne, Evie e Cleo, che ruotano, entrambe, attorno alla figura di Mark, compagno della prima e fratello della seconda, che fa da fulcro.

Evie è una donna affascinante, enigmatica e con un passato avvolto nel mistero. È un tipo determinato, è proprio questa parte del suo carattere la porterà a fare delle scelte decisive.

Cleo, invece, è una gallerista di successo, single incallita (per scelta o per necessità) che ha deciso di passare la propria vita a proteggere ed “accudire” il fratello Mark. Cleo porta dentro di sé una verità scomoda che è disposta a proteggere ad ogni costo.

Come dicevo sopra, Mark è una figura centrale all’interno della vicenda.

Mark è un fotografo piuttosto bravo, molto legato alla sorella Cleo e con un passato piuttosto doloroso.

La tua ultima bugia è un thriller molto ben fatto, non mancano i colpi di scena ed i picchi di adrenalina. Il ritmo è abbastanza serrato.

Leggendo questo libro non ci si annoia nemmeno un secondo. Già l’inizio è col botto e preannuncia lo stile del libro. Questa caratteristica mi è piaciuta molto.

Io a questo libro ho dato 4- per il semplice fatto che arrivata ad un certo punto avevo già capito come sarebbe finito. Questo mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca.

Devo però dire che il libro è ben fatto e senza nessuna pecca. Un thriller molto buono che sicuramente piacerà agli amanti del genere.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La tua ultima bugia

AUTORE: Rachel Abbott

EDITORE: Piemme Edizioni

GENERE: Thriller psicologico

DATA DI PUBBLICAZIONE: Marzo 2019

PAGINE: 368 (cartaceo)

PREZZO: 19,90 €

La casa di Marcus North appare come un luogo magnifico e spaventoso a Evie, la prima volta che vi mette piede. Immensa, affacciata su una scogliera, una stupenda vetrata dopo l’altra. Peccato che sulla costa occidentale dell’Inghilterra il vento e il grigio la facciano da padroni: ma anche così, davanti a lei si apre uno spettacolo. Per Marcus, però, le cose sono molto diverse. Quella casa è legata per sempre al ricordo della prima moglie, Mia, e di ciò che accadde al piano di sotto, dove la palestra e la piscina ormai sono chiuse da tempo. E dove lui non mette più piede. Ma adesso c’è Evie, un nuovo, luminoso amore che cancellerà il buio del passato. Almeno così la vede lui.
Non la pensa così Cleo, la sorella di Mark. Non le piace Evie, come del resto non le piaceva Mia. E quando Mark comincia ad allontanarsi, Evie a restare sempre più spesso sola con la sua bambina in quella immensa casa, e Cleo a cercare di capire che cosa c’è davvero tra il fratello e la sua nuova donna, pian piano le verità che ciascuno nasconde verranno a galla. E, come avrà modo di scoprire la detective King – la stessa che accorse quando Mia cadde dalle scale, e che adesso si troverà di fronte, in quella stessa casa, a una scena spaventosa -, l’ultima bugia sarà la più terribile.
Da un’autrice da tre milioni di copie, uno dei thriller più agghiaccianti di sempre, che vi trasporterà nel freddo dell’Inghilterra, dove nebbia e mare in tempesta non sono che uno specchio dell’anima. Statene certi: rifletterete a lungo, la prossima volta, prima di dire una bugia.

http://www.edizpiemme.it/libri/la-tua-ultima-bugia

Categorie
narrativa italiana Recensioni

Addicted: ognuno ha un segreto da nascondere, e tu?

Buonasera cari lettori!

Sono tornata dopo un paio di mesi. Mesi in cui ho dovuto affrontare grandi ostacoli e cercare di tenere insieme le redini di tutto. Mesi in cui ho dovuto mettere in stand-by (non del tutto però) la mia più grande passione: la lettura. Questo è il motivo per cui mi sono trovata costretta ad interrompere blog e pagine social di Lettrice Per Passione.

Ma ora sono qui!!

Riapro i battenti col botto, parlandovi di un thriller che mi ha molto colpito e che mi è piaciuto un sacco! Il thriller in questione è: “Addicted” di Paolo Roversi edito SEM.

Il tema principale del romanzo è l’addiction, l’ossessione maniacale; il libro, infatti, racconta la storia di un gruppo formato da sette persone, ognuna con la propria ossessione, prese in cura da una psichiatra londinese, Rebecca Stark. Questi personaggi intraprenderanno un percorso di cura all’interno di una villa lussuosa nel sud Italia. Non tutto, però andrà come previsto… o forse sì?

Come ho scritto sopra, Addicted è un thriller che mi è piaciuto molto. Credo che Roversi sia riuscito ad inserire in armonia tutti gli elementi caratterizzanti il genere. Sono, infatti, presenti i misteri, i segreti, i colpi di scena; insomma, tutti quei tratti che fanno provare quel brivido alla schiena che piace tanto agli appassionati del genere in questione. Inoltre, un altro aspetto che ho apprezzato molto è stato la presenza di una buona dose di “scervellamento” che mi ha reso partecipe all’azione e curiosa di conoscere la verità dietro uno o l’altro atteggiamento.

Roversi, con una scrittura spiccia, ma di effetto, riesce a catturare ed ammaliare il lettore, che seguirà le vicende dei personaggi con una curiosità crescente.

Consiglio senza dubbio questo bel thriller, che merita di essere letto!!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Addicted

EDITORE: SEM

DATA DI PUBBLICAZIONE: Gennaio 2019

PREZZO DI COPERTINA: € 16,00

AUTORE: Paolo Roversi

GENERE: Thriller psicologico

FORMATO: Cartaceo (192 pag.)

VOTO: 4/5

Rebecca Stark è una brillante psichiatra londinese che ha messo a punto un innovativo sistema per guarire la gente dalle proprie ossessioni. Il metodo Stark è così efficace che un magnate russo, Grigory Ivanov, decide di affidarle la conduzione della Sunrise, la prima di una serie di cliniche all’avanguardia, disseminate in tutto il pianeta, che aiuteranno le persone ad affrancarsi dalle loro peggiori addiction. Viene così lanciata una campagna pubblicitaria a livello mondiale. Il primo centro apre in Italia, in Puglia, all’interno di un’antica masseria ristrutturata, circondata da campi e ulivi. Un posto perfetto per accogliere i pazienti che, come parte integrante della cura, dovranno lavorare, cucinare e dedicarsi alle pulizie. Vivranno, insomma, come una piccola comunità isolata. Fra le centinaia di richieste che arrivano vengono selezionati sette candidati da diversi Paesi: Lena Weber, ossessionata dalla perfezione fisica; Jian Chow, web designer e hacker voyeur; Rosa Bernasconi, una ragazza tecno dipendente; Claudio Carrara, giocatore d’azzardo compulsivo; Julie Arnaud, manager ninfomane; Tim Parker, trader cocainomane; e, infine, Jessica De Groot, autolesionista. All’inizio della terapia tutto sembra girare nel migliore dei modi ma, ben presto, alcuni pazienti scompaiono misteriosamente. Complice una pioggia torrenziale che tiene segregati gli ospiti, impedendogli la fuga e ogni contatto con l’esterno, comincia da quel momento un macabro gioco al massacro.

Addicted

Categorie
narrativa straniera Recensioni

Tutto è il contrario di tutto: Le tre bambine

Buongiorno lettori e lettrici per passione!

Questa mattina ho deciso di parlarvi di un thriller che mi ha trasmesso parecchia inquietudine (sinonimo questo di buona riuscita).

Il thriller in questione è l’ultimo romanzo di Jane Corry, “Le tre bambine” edito Edizioni Piemme.

Scheda

TITOLO: Le tre bambine

AUTORE:Jane Corry

EDITORE: Edizioni Piemme

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2018

FORMATO: Cartaceo (432 pagine)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,90

Titolo originale: Blood Sisters

Traduzione italiana: Ilenia Provenzi

GENERE:Thriller Psicologico

VOTO: 4/5

Sono i tagli che abbiamo dentro a fare male davvero. Bruciano, tormentano, si gonfiano e sanguinano. E mentre il dolore e l’angoscia invadono la mente, diventano molto più pericolosi di una ferita visibile.

J. Corry, Le tre bambine, pag. 19Le tre bambine racconta la storia di due sorelle, Alison, la maggiore, Kitty, la minore, e di Vanessa la migliore amica di Kitty. Siamo nel 2016 quando incontriamo ed iniziamo a conoscere la vita di Alison, diventata ormai insegnante di arte, ha un terribile segreto che tiene nascosto dietro l’immagine che si è creata; molti anni prima, infatti, è stata coinvolta in un drammatico incidente in cui la sorella più piccola, Kitty, è rimasta gravemente ferita, tanto da gravi traumi psicologici e fisici. Il destino più tragico è però toccato a Vanessa, che in questo terribile incidente, ha perso la vita. Man mano che si svilupperà la narrazione si scoprirà che niente e come sembra e che tutti i vari personaggi hanno un ruolo principale nella triste vicenda.

Le tre bambine è un thriller psicologico molto inquietante. L’abilità della Corry sta nel saper dosare bene la notizie rilasciate in ogni singolo capitolo del romanzo. Fin dai primissimi capitoli, infatti, riesce a dire il non detto. Riesce cioè a far intuire qualche elemento scottante e rilevante al fine della rivelazione del terribile segreto, ma riesce anche altrettanto bene a scardinare tutte le certezze, non appena il lettore crede di aver intuito come sono andate veramente le cose.

Un punto forte di questo romanzo è l’alternanza dei punti di vista con cui è narrata la vicenda. La protagonista principale è Alison, che racconta la storia dal proprio punto di vista in prima persona. Questo racconto viene intervallato dalla storia vista con gli occhi di Kitty, che però viene esposta in terza persona. Questo gioco e alternanza di prospettive distrae il lettore dallo scoprire la verità ultima delle cose narrate, in modo tale da non permettergli più di capire chi ha fatto cosa, ma soprattutto chi è l’artefice di tutto.

Le tre bambine è un romanzo che vi terrà incollati alle pagine col fiato sospeso e con quella sensazione di disagio mista a paura che in un buon thriller non deve mancare.

Descrizione.

Vetrate artistiche. È una delle passioni di Alison – una delle cose che sa fare meglio e che ama insegnare agli studenti dei suoi corsi d’arte in un college di Londra. Corsi con cui riesce a malapena a sbarcare il lunario. Forse per questo, quando un giorno vede l’annuncio di un lavoro come insegnante d’arte in una prigione maschile, spinta da un richiamo che neanche lei capisce fino in fondo, decide di candidarsi e, quando le offrono il posto, accetta. Molto presto, però, comincia a ricevere strani messaggi, i messaggi di qualcuno che sembra osservare ogni sua mossa…

Urlare, scappare. È quello che vorrebbe fare Kitty in ogni momento della sua giornata, ma i danni al cervello che ha riportato in un incidente di molti anni fa glielo impediscono. Vive in un istituto, costretta su una sedia a rotelle, non sa che cosa le sia successo, cosa l’abbia portata fin lì. Ma i pensieri, dentro il suo cervello bloccato, sono chiarissimi, e adesso che anche la memoria sta tornando certe immagini riaffiorano più potenti che mai…

C’è qualcuno là fuori che conosce il segreto di Alison, e anche quello di Kitty. Qualcuno che sa che nulla delle loro vite è davvero come sembra. Qualcuno che conosce il legame tra loro. Un legame vecchio di molti anni, che nulla potrà mai spezzare. Perché c’è qualcosa di cui solo loro due sono a conoscenza, il demone che entrambe, ora, dovranno affrontare.

http://www.edizpiemme.it/libri/le-tre-bambine

Categorie
Recensioni

Recensione: Dove c’è fumo

In seguito si sarebbe chiesta cosa sarebbe accaduto, se non avesse notato quella rivista.

Buonasera cari lettori, dopo una breve pausa estiva, ritorno a scrivere recensioni. Oggi, in particolare, vi parlo di un’uscita estiva Bompiani: “Dove c’è fumo” di Simon Beckett.

TITOLO: Dove c’è fumo (titolo originale: Where there’s smoke)

AUTORE: Simon Beckett (traduttore: Fabrizio Coppola

EDITORE: Bompiani

DATA DI PUBBLICAZIONE: Luglio 2018

FORMATO: cartaceo (400 pagine)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

VOTO: ♥♥♥♥♥

1534952842430

DESCRIZIONE. La stanza è immersa in un buio irreale, sembra di camminare nell’inchiostro. Kate cerca di farsi strada a tentoni tra mobili sconosciuti. Non c’è tempo per fuggire. Poi un lampo di dolore, e sangue. Kate Powell è una donna di successo sulla trentina, indipendente, poco incline ai compromessi. Eppure sente che il tempo scorre inesorabile e la vita le appare sempre più vuota, priva di significato. Vuole un figlio, ma è rimasta scottata troppe volte da relazioni inconcludenti e non riesce più a fidarsi. Così decide di ricorrere all’inseminazione artificiale e scegliere il donatore pubblicando un annuncio: a rispondere è Alex Turner, psicologo affascinante e riservato. Il candidato ideale. Se non fosse che l’apparenza inganna.

Alcuni momenti bruciano nella mente per sempre.

LA MIA OPINIONE. Kate Powell, imprenditrice di successo, ha superato da poco i 30 anni e sente il bisogno di dare una svolta alla sua vita, diventando madre. Di uomini, però, non vuole sentirne. Fa ancora male la cicatrice lasciata da Paul Sutherland, un uomo alcolista, prepotente e con la tendenza a non essere fedele. Kate non vuole innamorarsi di un uomo e mettere su famiglia; lei vuole metterlo al mondo (e crescerselo!) da sola il bambino. Kate decide di rivolgersi ad una clinica in cui si effettua l’inseminazione artificiale attraverso donatore conosciuto. E’ per questo motivo che le vite di Kate e Alex Turner, donatore scelto dalla stessa donna e affermato psicologo, si incrociano. Ma la domanda è d’obbligo: Kate avrà fatto la scelta giusta?

Dove c’è fumo è uno di quei libri che attraggono dalle primissime pagine. Io, personalmente, già dal terzo capitolo ero letteralmente stregata da questo thriller. Ero immersa nella narrazione e mi sentivo parte integrante della storia raccontata. E’ un romanzo che riesce bene ad inquadrare tutti i vari aspetti ed elementi, in modo tale da condurre il lettore verso una determinata risoluzione degli eventi, che però verrà poi scardinata del tutto nel capitolo finale.

Il finale lascia una piacevole sensazione. Vi spiego perché. Come dicevo sopra, mentre si segue il filo logico della narrazione e lo sviluppo della storia di Kate, si ha la sensazione di andare incontro ad un epilogo scontato, già scritto. Quello che si trova, invece, nell’ultimo capitolo è senza dubbio qualcosa di inaspettato. Una svolta improvvisa che mescola tutte le carte in tavola.

L’argomento trattato è di indubbia attualità. La fecondazione assistita, infatti, è una frontiera sempre in crescita e che aiuta moltissime coppie ad avverare il desiderio di avere una famiglia completa. In questo modo Dove c’è fumo diventa anche un mezzo per riflettere. Leggendo, nelle pagine del libro, di questa tematica, mi è venuto quasi automatico riflettere e prendere posizione rispetto a questo discorso. Un altro punto per questo romanzo!

Beckett utilizza una scrittura magnetica, carica di adrenalina. Non si trova una parola di troppo. Riesce a creare un ritmo serrato che regala al lettore una tensione sempre crescente (come un buon thriller psicologico che si rispetti!).

Concludo dicendo che è un romanzo che merita davvero tanto. Per gli amanti del genere è sicuramente un libro all’altezza delle aspettative. E’, però, adatto anche a coloro che preferiscono leggere altri generi, in quanto Beckett riesce a smorzare il panico grazie ad un punto di vista lucido e razionale.

http://www.giunti.it/

http://www.bompiani.it/

Categorie
Segnalazioni

Segnalazione: Mai più senza

Salve a tutti miei cari readers!! Oggi ho un annuncio importante da farvi! Vi presento in anteprima assoluta un libro che uscirà (nientepopodimeno) per il Salone del Libro di Torino.

TITOLO: Mai più senza

AUTORE: Giuseppe Calzi

EDITORE: Dark Zone Edizioni

GENERE: Horror/Thriller psicologico

DATA DI PUBBLICAZIONE: 10 maggio 2018 (Salone del Libro di Torino)

FORMATO: ebook e cartaceo

PAGINE: 288

cover MAI PIU SENZA

Il passato non può essere cambiato.

SINOSSI. Il passato non può tornare, il passato non può essere cambiato. Nemmeno i sogni hanno un tale potere. Eppure i sogni possono cambiare qualcosa di molto più importante: presente e futuro.

Quali nefaste conseguenze si potrebbero scatenare nell’esistenza di un individuo privato della possibilità di sognare?

Gregory Leali vive a New Castle, nel cuore del piccolo e riservato stato del Delaware, Stati Uniti. La sua vita, solo all’apparenza tranquilla e priva di preoccupazioni, in realtà sta sprofondando e qualcosa è sul punto di aprire una piccola porta, dimenticata socchiusa da troppo tempo nella sua testa. E’ qualcosa di terribile, di assolutamente inspiegabile. E’ una sensazione forte, capace di scatenare un terrore impossibile da affrontare, tanto meno da vincere. Ha già provato il sapore sgradevole e oltre modo inquietante di certe emozioni che scavano nella sua personalità, ma quando? Eventi passati tornano in superficie, galleggiano sopra il pelo dell’acqua, come il cadavere di uno sconosciuto che Greg rinviene al Punto, il parco cittadino di New Castle. C’è davvero un sottile filo che lega tra loro momenti lontani della sua esistenza? Nero e silenzio, ecco cosa si nasconde dietro quella maledetta porta. Gregory sa benissimo che chiudere gli occhi e provare anche solo a concepire un nero e un silenzio tali va ben oltre i limiti della follia. Essere avvolti dalla mancanza totale dei sensi e da un vuoto assoluto, eppure pienamente consapevoli e coscienti di sé…

Eventi inspiegabili, una serie di indizi ambivalenti e l’incontro con Michael Russell, personaggio disarmante e per certi versi complice e inquisitore allo stesso tempo, porteranno Gregory all’apertura di una serie di cassetti chiusi a chiave all’interno dalla sua mente, dai quali emergeranno spicchi di ricordi di un passato che pareva perso e dimenticato, come se non fosse mai esistito. L’amico Vince Costello e la nuova vicina di casa, Violet Alnwick, saranno in grado di spezzare le trame di un destino segnato da qualcosa successo al Gregory di un tempo, al bambino che fu Greg?

Nero e silenzio devono essere affrontati, perché questa per Gregory è l’ultima fermata. E l’esito di tutto ciò non può che passare dall’ultimo ricordo, dall’ultimo sogno vissuto, da qualcosa che era stato spezzato ai tempi di un’infanzia lontana. Da un profondo rapporto di amicizia rimosso e cancellato dalla brutalità del destino. La sottile linea che separa vittoria e sconfitta, vita e morte, potrebbe spezzarsi da un momento all’altro.

Non tutto ciò che di negativo ci accade deve essere per forza dimenticato e rimosso. Credo che spesso, ben nascosto dietro momenti delicati, magari oscuri e velati da sensazioni pessimistiche, possa nascondersi qualcosa che può apparirci chiaro solo in un futuro molto lontano.

Mai più senza è dedicato a chi ha saputo guardare oltre, oppure ci sta provando. A chi ha saputo vedere, a chi ha saputo ritrovare qualcosa che pareva smarrito, dimenticato per sempre.

E ancora di più, è dedicato a chi non sa neppure cosa va cercando, ma che sente la necessità di trovare quei segni che hanno la capacità di rinnovare una persona. A chi ha perso qualcosa, a chi ha perso qualcuno; a chi crede che avendo perso qualcosa o qualcuno, tutto sia svanito, finito per sempre. A chi lotta in silenzio, convinto che non vi possa essere una vittoria, convinto che il futuro sia un cancello chiuso. A tutti quelli che hanno vinto ma anche, e soprattutto, a chi purtroppo ha gettato la spugna.

È dedicato a coloro che vivono con la speranza rinchiusa in un angolo buio e lontano, sigillata in un vecchio scatolone logoro, da qualche parte della propria mente.

Giuseppe Calzi

Di seguito troverete un piccolo estratto, giusto per farvi un’idea di quello che potrete leggere a partire dal 10 maggio.

No, Michael Russell non poteva capire. Nessuno poteva capire.

«Da quanto tempo stai andando avanti così?» insistette guardandolo negli occhi.

Gregory cercò di sfuggire a quello sguardo a metà strada tra l’ammonitore e il divertito.

Il brusio del locale sembrava sempre più vago. Il mal di testa si stava trasformando in un ritmico pulsare delle tempie, come quella sensazione strana, ma eccitante, che gli capitava spesso quando era ragazzo, seduto in uno dei carrelli delle montagne russe, lungo la lenta salita che conduceva il convoglio sulla sommità della struttura. Si sentiva come se quel viaggio a tutta velocità, ancorati a un’esile lingua d’acciaio, potesse davvero avere inizio da un momento all’altro.

E se doveva essere, che fosse.

Si aggrappò alla barra di metallo in attesa della discesa da imboccare e rispose: «Un paio di settimane. Forse un mese o giù di lì».

Era possibile continuare a mentire, nonostante i buoni propositi?

Ne seguì una risata distorta da parte di Michael, un suono carico di qualcosa di molto simile allo scherno. Quella risata ebbe l’effetto di dare un altro strattone verso l’alto al convoglio. Greg poteva quasi sentire l’aria tra i capelli, la stessa che da ragazzo lo riempiva di adrenalina e lo caricava d’attesa. Michael lo fissava con quegli occhi scuri e quel volto spigoloso che a Greg davano l’impressione di essere severi e benevoli allo stesso tempo.

«Da quanto?»

«Non lo so esattamente», rispose alzando le spalle.

«Mesi, Gregory? Io credo anni.»

Cosa poteva saperne quello sconosciuto?

«Situazioni come la tua si trascinano per molto tempo. Ma arriva un momento in cui devi prendere una decisione.»

Il volto di Greg era immobile. Sembrava quasi che quell’uomo potesse leggergli dentro.

E se ci fosse passato anche quel tizio prima di lui?

«Era da tempo che non mi accadeva di pensare a qualcosa di così angosciante», disse Gregory mentre vedeva il culmine di quella montagna russa venirgli incontro.

Michael annuì, come per incoraggiarlo a parlare. Alle loro spalle, il vociare della gente, il tintinnio di bicchieri e piatti spostati, il rumore del legno sotto le suole delle scarpe, erano diventati suoni lontani e alieni. Era come se lui e Michael Russell si stessero allontanando.

«Così buio», proseguì Greg nonostante la gola riarsa che gli rendeva difficile tenere un tono di voce normale. «Il nero e il silenzio sono cose impossibili da accettare. Fanno impazzire. All’inizio pensi che sia come chiudere gli occhi ed essere in una stanza buia e priva di rumore…»

Fece una pausa e deglutì, gli occhi fuori dalle orbite. La secchezza in fondo alla gola era quasi dolorosa. Il convoglio era davvero prossimo al culmine. A breve sarebbe arrivato quell’intenso istante di sospensione, il momento in cui la salita termina e si è consapevoli che il mondo sta per iniziare a scorrerti di fianco a una velocità impensabile lungo quella sottile striscia d’acciaio, l’unico vincolo tangibile con il suolo.

L’unico vincolo tangibile con la realtà.

«Niente di più sbagliato. Ti spingi un poco oltre e senti che quel buio e quel silenzio sono neri, sono inconsistenti, non esistono punti di riferimento. Non hai occhi, non hai orecchi; assolutamente nessun odore, il gusto non esiste e quel nero non può nemmeno essere annusato o toccato. Il concetto di tatto non è previsto. Tu non esisti, sei solo parte del nero. Ma sai quale è la cosa che più ti manda in orbita il cervello quando arrivi a quel punto?»

La discesa era iniziata, l’aria in faccia gli toglieva il respiro. Era su una montagna russa infernale.

Inoltre se non volete perdere nessuna uscita collegatevi al sito:

Homepage

Daisy!