Categorie
narrativa straniera Recensioni

La città delle ragazze di Elizabeth Gilbert

[…] Che la vita non è lineare. Da piccolo credi che le cose siano sempre in un certo modo. Che esistano delle regole. Che la vita debba seguire un binario preciso. E ti sforzi di percorrerlo. Ma la vita se ne infischia delle tue regole o di ciò che credi. Lei non segue un unico binario, Vivian. Non è mai come te l’aspetti. Per lei le nostre regole sono fumo. A volte la vita capita, questo penso. E noi dobbiamo continuare a viverla, al meglio delle nostre possibilità.

Vivian, un’arzilla vecchietta quasi novantenne, è la protagonista dell’ultimo romanzo di Elizabeth Gilbert, “La città delle ragazze” edito Rizzoli. Un romanzo che si discosta per toni ed argomento da Mangia Prega Ama, ma che riesce comunque a trasmettere la profondità delle emozioni umane.

Il romanzo inizia con Vivian che decide di raccontare ad Angela, attraverso una lunghissima lettera, come ha conosciuto l’uomo più importante della sua vita: Frank, il padre di Angela. Ripercorrendo quasi cinquant’anni di storia, la protagonista, rievoca tutti gli eventi che hanno portato all’incontro di questo uomo, segnato da un passato di atrocità belliche.

La città delle ragazze è, infatti, ambientato negli anni Quaranta, proprio quegli anni segnati dal secondo conflitto mondiale e Frank quella guerra l’ha combattuta, riuscendo a sopravvivere ad un attacco kamikaze da parte del nemico; privilegio che però non è stato concesso ai suoi compagni.

[…] Devi imparare a prendere la vita con più leggerezza, mia cara. Tutto cambia di continuo. È importante non aggrapparsi troppo alle cose. Qualcuno ti fa una promessa e poi non la mantiene. I critici parlano bene di uno spettacolo e poi lo condannano al fallimento. Un matrimonio sembra solito e poi finisce in divorzio. Per un po’ c’è una pace e poi un’altra guerra. A preoccuparsi troppo si diventa stupidi e infelici. A che pro?

Nonostante il tema della guerra faccia da sfondo all’intero romanzo, il tono di La città delle ragazze è molto più frivolo e leggero. Vivian, infatti, è una ragazza molto indipendente ed intraprendente rispetto alle altre sue coetanee; mostra una grande libertà sessuale, cosa che contestualizzata al periodo era giudicata alquanto scandalosa e “socialmente inaccettabile”. Questo aspetto della sua vita le ha provocato non pochi problemi e guai, complice il fatto che si è formata ed è cresciuta negli ambienti di un teatro un po’ sgangherato formato da personaggi bizzarri e originali, in cui predominava la baldoria e il disordine.

Crescendo Vivian, metterà la testa a posto, ma non tanto da rinunciare alla propria libertà e legarsi definitivamente ad una persona, o almeno non nel senso comune del termine!

Devo dire che all’inizio ho trovato un po’ di difficoltà ad ingranare la marcia. Avevo in mente lo stile di mangia prega ama, quindi mi aspettavo un tono più “serio” anche se già sapevo che sarebbe stato più leggero. Quindi essendo io una accanita fan di romanzi strong, ho impiegato qualche giorno per prendere dimestichezza con questo stile un po’ fuori dalla mia portata. Posso dire però che una volta abituata, è stato una grande scoperta.

I toni frivoli e spensierati della prima parte si smorzano e diventano più maturi nella seconda. Quasi come se lo stile della narrazione si evolvesse di pari passo alla crescita personale della protagonista. E questo, a mio parere, è segno di una grande bravura di fondo nello scrivere (ma d’altronde stiamo parlando della Gilbert!).

Ho trovato La città delle ragazze per niente stucchevole. Non cade mai nel banale e nello sdolcinato, nemmeno quando inizia a parlare di Frank, l’unico uomo che Vivian abbia riuscito ad amare. Quello che si evince è invece una particolare attenzione alle emozioni umane in tutte le loro sfaccettature. Un sentimento viene mostrato per quello che è senza essere esasperato; perché in fondo non ce n’è bisogno, un sentimento riesce a mostrare tutta la potenza con la sua stessa essenza.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La città delle ragazze

Titolo originale: City of girls

AUTORE: Elizabeth Gilbert

Traduzione a cura di Elena Cantoni

EDITORE: Rizzoli

GENERE: Narrativa straniera

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2019

PAGINE: 496 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 20,00

Feste strepitose, attori seducenti, dive egocentriche e poi musica, risate, luci che si accendono. Vivian Morris ha novantacinque anni, ma se chiude gli occhi torna a essere la diciannovenne che dopo un fallimentare tentativo al college si è ritrovata a sbirciare dietro le quinte del vivace e sgangherato tea-tro gestito da sua zia Peg. L’anno è il 1940, la città New York, gli ambienti sono quelli del Lily Playhouse, un odeon pazzo dove le ragazze in cerca di fortuna si offrono al mondo, all’arte, agli uomini. Vivian inciampa in questo fiume in piena e ne è trascinata via, complice il fascino di Celia, soubrette dal corpo meraviglioso e con la voce cupa da gatta randagia. Mentre la ragazza scopre di avere un talento come costumista, zia Peg la accoglie nel suo regno esploso, al centro della città più sognata e ai margini della sua ricchezza. Dove bisogna scrollarsi di dosso la provincia impressa nel passo e negli occhi. La città delle ragazze è la storia di un’educazione sentimentale gioiosa, la rappresentazione di un universo che non teme di mostrarsi famelico, rumoroso, fragile e mosso da un’inquietudine costante. Amato dalla migliore critica americana, che ha trovato in questa scrittura uno sguardo illuminante e onesto sulla natura e il carattere del desiderio femminile, ecco il nuovo romanzo di Elizabeth Gilbert.

https://rizzoli.rizzolilibri.it//libri/la-citta-delle-ragazze/