Categorie
narrativa italiana Recensioni

L’arte di essere nessuno di Federica Pace

Ciao a tutti cari lettori e lettrici per passione. Torno su questi schermi per parlarvi di un libro che mi ha colpito particolarmente.

Oggi vi presento “L’arte di essere nessuno” di Federica Pace edito Robin Edizioni.

F. Pace, L’arte di essere nessuno, Robin Edizioni

L’arte di esser nessuno rappresenta il viaggio interiore di Sophia. La protagonista è una ragazza sensibile, altruista e con una gran voglia di essere amata. Sophia aveva una cara amica, Asia, che un maledetto giorno decise di porre fine alla propria vita. Inizia così il lungo percorso di Sofia, che da anni ha scoperto di essere affetta da una rara patologia, fatto di cadute e rialzate, di sensi di colpa ed accettazione, di dolore e di amore.

Il romanzo è suddiviso in tre parti, prevalentemente scritte sotto forma di diario, quindi in prima persona. Il linguaggio è colloquiale e profondo, soprattutto quando va a toccare le corde intime dell’anima di Sophia.

[…] perché tutti i coraggiosi hanno paura.

F. Pace, L’arte di essere nessuno, Robin Edizioni, pag. 100

L’arte di essere nessuno è un libro tosto, potente ed, in alcuni tratti, persino doloroso. La protagonista sta affrontando un vera e propria lotta con se stessa, in cui è sia vittima che carnefice. È uno scontro continuo tra il cercare di essere quello che gli altri vogliono, e l’accettarsi per quello che veramente è: un essere umano con paure fragilità. È il continuo conflitto tra il senso di colpa per non essere riuscita a salvare l’amica da quel terribile gesto e la rassegnazione davanti all’imprevedibilità del gesto stesso.

L’arte di essere nessuno, però, non è solo questo: è anche riscoperta, rinascita e speranza. È la presa di coscienza dal bruco nasce la farfalla; che le fragilità, se guardate da un altro punto di vista, possono diventare punti di forza e di bellezza.

Lettura assolutamente consigliata!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: L’arte di essere nessuno

AUTORE: Federica Pace

EDITORE: Robin Edizioni

DATA DI PUBBLICAZIONE: 2018

GENERE: Narrativa italiana

PAGINE: 216 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 12,00

La maggior parte delle volte in cui un bicchiere di vetro ricolmo di acqua cade per terra, la colpa è della distrazione. Tornando indietro, in fondo, avremmo potuto evitarlo. Se non l’avessimo posizionato così vicino al bordo del tavolo, oppure se l’avessimo spostato in tempo, prima che il nostro gomito lo colpisse, non sarebbe mai caduto e noi non avremmo rischiato di ferirci camminando su dei pezzi di vetro a piedi scalzi. Sophia lo guarda cadere, il bicchiere. Sente il tonfo, lo vede infrangersi sul pavimento e, nello stesso istante, lei fa la medesima fine. Per tutto il romanzo, con il suo strano modo di camminare, Sophia vede esplicarsi al di fuori di sé la malattia genetica che porta dentro. Tutto è una perdita di equilibrio, in tutto c’è odore di arance rosse e succose che scivolano via dalle mani di un giocoliere e si infrangono sui pezzi di vetro. Ma chi è il giocoliere? È davvero chi crede Sophia?
Attraverso flussi di pensiero, flashback, cambi di persona, decostruzioni e ricostruzioni, Sophia si rende conto che nulla era come credeva, che la ricerca di qualcuno implica sempre la ricerca di se stessi e che, forse, è proprio vero che si comincia dalla fine.

Categorie
narrativa italiana Ragazzi tra le pagine Recensioni

Tre vivi, tre morti di Ruska Jorjoliani

Cari lettori e care lettrici per passione, come state? Oggi vi parlo dell’ultima lettura condivisa assieme ai Ragazzi tra le pagine.

Si tratta di “Tre vivi, tre morti” di Ruska Jorjoliani edito Voland Edizioni.

Il romanzo racconta la storia di Aurora e Modesto, una coppia di sposi, ciascuno con una relazione extraconiugale, che conducono un’esistenza segnata dalla monotonia e dalla metodica routine. Questa vita piatta, fatta di tradimenti, ma comunque accettata e condivisa, perché parte anch’essa delle abitudini quotidiane, viene sconvolta dall’arrivo di una lettera anonima ed enigmatica.

La storia è divisa in due dimensioni spazio temporali diverse. Se da un lato, infatti, ci troviamo ad assistere alle vicende di questa famiglia degli anni Cinquanta, dall’altro lato, invece, viviamo gli anni Trenta e Quaranta con la storia di Guerino, un partigiano che ha combattuto al fronte e che, a modo suo, cerca di riprendere in mano la propria vita.

Inizio subito col dire, con dispiacere, che Tre vivi, tre morti è un libro con cui non sono riuscita ad entrare in empatia; motivo per cui, ho trovato parecchia difficoltà nel leggerlo e nel portarlo a termine.

I personaggi, di per sé, non sono riusciti a farmi entrare in sintonia con loro. Sarà la loro indole libertina, sarà il loro modo di essere ai limiti del reale, sta di fatto che ho subito provato una sorta di antipatia nei loro confronti.

Un’altra cosa che mi ha fatto storcere il naso è stata lo sviluppo non lineare e disorientante della storia. Mi dispiace davvero dirlo, ma, a tratti, ho avuto l’impressione di perdermi tra le parole; di non riuscire a capire chi fosse il protagonista e a che punto si trovasse la narrazione.

A causa di quanto ho appena detto, non sono riuscita a comprendere bene quello che l’autrice ha voluto dire, il messaggio che ha voluto trasmettere. Alla fine del libro mi sono ritrovata solo contanti perché.

Per tutti questi motivi, mi trovo costretta a dover bocciare Tre vivi, tre morti. Non escludo, comunque, che per qualcun altro, possa essere una piacevole lettura; io, purtroppo, non posso dirlo.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Tre vivi, tre morti

AUTORE: Ruska Jorjoliani

EDITORE: Voland Edizioni

GENERE: Narrativa italiana

DATA DI PUBBLICAZIONE: Marzo 2020

PAGINE: 196 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 16,00

Un romanzo familiare dalle venature noir, dove quella nascosta sotto il tappeto è polvere da sparo, dove tenersi stretta un’esistenza banale si rivela meno semplice che premere il grilletto. E dove storie e passati si intrecciano. Firenze, fine anni ’50. Modesto e Aurora sono sposati, fanno gli insegnanti, hanno entrambi l’amante. Si sono conosciuti in un giorno storico, quando Aurora assieme a molte altre italiane ha espresso il suo voto per la prima volta. Ora condividono una quotidianità fatta di cinema del lunedì, battute al vetriolo e perdite d’equilibrio. Finché una lettera non turba la loro placida routine: qualcuno sa di un “fattaccio” che riguarda Modesto, e che lui pensava sepolto nel passato… Fra Russia e Abruzzo, primi anni ’40. Guerino è un giovane soldato, ha un padre vedovo e infiacchito, uno zio spavaldo e fascista. Scampato all’assideramento nella steppa, al rientro in patria si unisce alle milizie repubblichine. Con gli alleati ormai alle porte di Roma, sembra finire per sempre dalla parte sbagliata della Storia…

Categorie
narrativa straniera Ragazzi tra le pagine Recensioni

Uomini di poca fede di Nickolas Butler

Ciao a tutti, il romanzo che vi presento oggi, parla di fede, religione e fanatismo, ma anche amore incondizionato e razionalità.

Il libro in questione è “Uomini di poca” fede di Nickolas Butler edito Marsilio.

I protagonisti di questa storia appartengono a due generazioni diverse: da una parte abbiamo Lyle e Peg, una coppia di anziani, che seguono la religione più per abitudine che per convinzione e dall’altra parte Shiloh, figlia adottiva di Lyle e Peg, una ragazza da sempre ribelle e attiva partecipante di un gruppo “fanatico” religioso e fermamente convinta del loro credo. Al centro di tutta la storia c’è un bambino, Isaak, figlio di Shiloh, ritenuto da quest’ultima portatore di poteri sovrannaturali e miracolosi. Peg e Lyle, in quanto nonni, sono preoccupati, ma al tempo stesso accondiscendenti, per il forte amore che li lega alla figlia e al nipote. Tutto si capovolgerà, però, quando succederà qualcosa di critico e irreparabile.

N. Butler, Uomini di poca fede, Marsilio

La storia in sé e per sé è molto lineare. Nessuna svolta, nessun evento inaspettato, ma comunque ben strutturata; fatta eccezione per qualche pezzo, in cui cade troppo nel romanzato, a mio avviso, tendenzialmente l’ho trovata ben scritta ed interiorizzabile.

Uomini di poca fede è sicuramente un libro che porta alla riflessione: il messaggio che fa da sfondo a tutta la vicenda arriva forte e chiaro. Un messaggio che, però, indubbiamente viene rapportato all’esperienza di ciascuno, e perciò assimilato. Il lettore si pone quesiti, mette anche in discussione il proprio rapporto con la fede e la religione: lo fa proprio, lo cala sul proprio vissuto, ed in base a ciò che emerge, da un giudizio di valore su ciò che il romanzo gli ha dato.

Il mondo è pieno di una serie forse infinita di misteri e una quantità ancora più infinita di ipotesi, imbrogli, bugie, ciance e qui e là, seminascosta, una minuscola, intoccabile manciata di risposte.

N. Butler, Uomini di poca fede, pag. 48

Il linguaggio è molto semplice e quotidiano; avvicina sicuramente alla personalità dei protagonisti, li fa sentire più veri, più vissuti. Il tutto è avvolto in un alone utopico, quasi surreale.

Quello che, invece, mi ha lasciato un po’ perplessa è il finale; con questo non voglio dire che non è ben strutturato, ma che io non sono riuscita a comprenderlo appieno. Non ho capito cosa l’autore ha voluto dire e lasciare al lettore con l’epilogo del romanzo, e questo, ahimè, mi ha lasciata con l’amaro in bocca (tra l’altro non amo particolarmente i finali aperti, preferisco conoscere “come vanno a finire“ le varie situazioni narrate).

Concludo dicendo che “Uomini di poca fede“ è un romanzo importante per la riflessione che, indubbiamente, spinge il lettore a fare. Il tema affrontato non è tra i più semplici e Butler è riuscito ad affrontarlo abbastanza bene. Consigliato.

Voto: 3,5

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Uomini di poca fede

Titolo originale: Little Faith

AUTORE: Nickolas Butler

Traduzione italiana a cura di Fabio Cremonesi

EDITORE: Marsilio Editori

DATA DI PUBBLICAZIONE: Gennaio 2020

GENERE: Narrativa straniera

PAGINE: 272 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 17,00

http://www.marsilioeditori.it/lista-autori/scheda-libro/2970347-uomini-di-poca-fede/uomini-di-poca-fede

Ps. Per sapere cosa ne pensano gli altri ragazzi tra le pagine, seguite:

https://instagram.com/a_tuttovolume_libri_con_gabrio?igshid=qft87305pjra


https://instagram.com/labibliotecadelcorsini?igshid=v2kjf1nr33l1


https://instagram.com/libridimarmo?igshid=1dr9a9sfredig


https://instagram.com/luca_massignani?igshid=pddhwshvfkr1


https://instagram.com/matteo_zanini?igshid=1ui9tlja1au1z


https://instagram.com/readeat_libridamangiare?igshid=ru5uu5xpyp73


https://instagram.com/viaggiletterari?igshid=1eepbx9nex48

Categorie
Recensioni

L’ultima vedova di Karin Slaughter

Salve a tutti lettori e lettrici per passione, oggi vi parlo di un thriller pieno zeppo di adrenalina.

Il romanzo in questione è “L’ultima vedova” di Karin Slaughter edito Harper Collins.

L’ultima vedova racconta l’ultima avventura investigativa di Will Trent, in cui è coinvolto personalmente egli stesso assieme alla fidanzata, il medico Sara Linton. I due protagonisti si trovano coinvolti nella preparazione di un vero e proprio attentato terroristico, in cui dovranno morire migliaia di persone; sarà compito loro, dunque, riuscire a bloccare la strage e salvare le loro stesse vite.

Curious fact: Will Trent e Sara Linton sono due personaggi creati separatamente dall’autrice ed in “L’ultima vedova” vengono messi insieme in un’unica storia.

Inizio col dire che è, senz’altro, un thriller molto forte, uno di quelli che fa male, sia nella descrizione di alcune scene crude e cruente, sia soprattutto per le tematiche affrontate. Non mi è venuto facile leggere di stragi, che avrebbero coinvolto migliaia di persone per motivi futili, restando indifferente. (Come del resto, non ci si può rimanere impassibili davanti un telegiornale, visto che purtroppo sono all’ordine del giorno ormai). Questo, tra l’altro, è uno dei tanti temi che fanno male: si parla anche di pedofilia, bambini sfruttati e privati della spensieratezza della loro infanzia. Posso quindi dire che se l’obiettivo di un thriller è disturbare, questo sicuramente si può definire tale.

In L’ultima vedova non mancano di certo i colpi di scena. Da come parte la vicenda, non è lontanamente immaginabile la piega che da lì a qualche pagina invece prenderà. Tutto si svolge con un ritmo sempre più incalzante e veloce. I picchi di adrenalina sono garantiti. Vi troverete a leggere alcuni capitoli col fiato sospeso e solo dopo averli finiti vi accorgerete che per tutto il tempo non avete respirato.

Non erano stati feriti abbastanza dalla vita da capire che era preziosa.

Se proprio vogliamo andare a cercare l’ago nel pagliaio potrei dire che l’unica cosa che talvolta mi frenava era la presenza di capitoli un po’ lunghetti che, a me personalmente, fanno allentare leggermente la presa.

Per quanto riguarda i personaggi, trovo che la Slaughter abbia una grande abilità nel far emergere il tormento interiore dei personaggi, che spesso, come nella vita vera, non si comportano come ci si aspetta in quella determinata situazione, ma mossi dalle proprie paure e tensioni.

Concludo dicendo che, L’ultima vedova è un ottimo thriller in cui sono presenti tutti quegli elementi che tanto piacciono agli amanti del genere. Assolutamente consigliato!

VOTO: 4,5/5

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: L’ultima vedova

Titolo originale: The last widow

AUTORE: Karin Slaughter

Traduzione italiana a cura di Adria Tissoni

GENERE: Thriller

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2019

PAGINE: 504 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 19,00

Un rapimento inspiegabile. 2019. In una calda notte d’estate, Michelle Spivey, ricercatrice del CDC di Atlanta, il più famoso istituto al mondo per la prevenzione e il controllo delle malattie infettive, viene rapita nel parcheggio di un centro commerciale. Sembra sparita nel nulla, non ci sono indizi su chi l’abbia portata via o perché, e le autorità disperano di salvarla. Un attacco devastante. Un mese dopo, un tranquillo pomeriggio domenicale viene sconvolto dal boato di un’esplosione che scuote la terra, seguita da altre a pochi secondi di distanza. Un attentato terroristico ha devastato uno dei principali quartieri di Atlanta, sede della Emory University, di due importanti ospedali, del quartier generale dell’FBI e dello stesso CDC. Un nemico subdolo e diabolico. La dottoressa Sara Linton e il suo compagno Will Trent, investigatore del Georgia Bureau of Investigation, si precipitano sul posto e si ritrovano al centro di una cospirazione mortale che minaccia di distruggere migliaia di vite. Ma il loro istinto li tradisce… E quando anche Sara viene rapita, Will segue le sue tracce in incognito fino a un covo segreto sui monti Appalachi, mettendo a rischio la propria vita per salvare la donna che ama e sventare un massacro dalle proporzioni sconvolgenti. Karin Slaughter, autrice bestseller in tutto il mondo, riunisce i suoi protagonisti più amati, Will Trent e Sara Linton, in un affilato e tesissimo thriller a orologeria, pieno colpi di scena, segreti angoscianti e situazioni scioccanti, impossibili da prevedere prima che sia troppo tardi.

https://www.harpercollins.it/9788869055317/lultima-vedova

Categorie
Recensioni

Avviso di burrasca di Maria Adolfsson

Salve a tutti! Oggi vi parlo dell’ultimo thriller che ho letto: “Avviso di burrasca” di Maria Adolfsson edito SEM.

Ci troviamo a Noorö, un’isola immaginaria dell’arcipelago doggerlandese, nel periodo natalizio. L’ispettrice Karen Eiken Hornby si trova ad indagare su una morte sospetta; un pensionato viene, infatti, trovato morto dalla sorella in un dirupo. Quello che inizialmente si pensa essere un tragico incidente, si rivela invece un efferato omicidio. Ma chi potrebbe mai avercela con un vecchietto, ex professore universitario? E soprattutto perché? Indagando su questo caso la Hornby scoprirà che sono coinvolte persone molto vicine a lei. Come si comporterà di fronte a questa nuova pista?

Questo romanzo è un thriller che sicuramente contiene tutti quegli elementi che devono essere presenti in questo genere narrativo. Ritmo incalzante (soprattutto alla fine!), colpi di scena, finale inaspettato. Manca però a mio avviso quell’elemento in più che riesce ad amalgamare il tutto. C’è tutto quello che in un thriller ci dovrebbe essere; tutti gli elementi, se presi singolarmente suonano alla perfezione, ma che, a parer mio, nella visione di insieme non contribuiscono a dare il giusto risalto ad un thriller poliziesco che potrebbe essere ottimo.

Ma andiamo con ordine.

In Avviso di burrasca il ritmo della narrazione, man mano diventa sempre più veloce. Parte in maniera lenta, ma accattivante, e diventa via via più incalzante fino ad arrivare all’ultima parte in cui sono stata proprio col fiato sospeso. Mi collego quindi al finale. È sicuramente un finale del tutto inaspettato, sia per quanto riguarda l’evolversi della vicenda, ma soprattutto per quanto riguarda le sorti della protagonista.

Non mancano certo i colpi di scena; questi sono presenti fin dai primi capitoli. L’aspetto che ho apprezzato di più è stato l’intreccio, il mescolarsi quindi, della vicenda narrata con la storia personale della protagonista; questo ha sicuramente contributo a cambiare le carte in tavola, capovolgendo quelle situazioni che, altrimenti, prenderebbero un altro corso.

Andiamo al tasto, per me, dolente! La mancata coesione. Come dicevo sopra, Avviso di burrasca, è un thriller in cui sono presenti (e sviluppati anche abbastanza bene) tutti gli elementi che caratterizzano il genere. Quello che manca però, secondo me, è l’armonia nel complesso; cioè quella musicalità che amalgama il tutto rendendolo perfetto. È, questo, il motivo per cui non do le cinque stelline.

Nell’insieme, comunque, è un romanzo molto valido e che sicuramente merita di essere letto ed apprezzato.

VOTO: 4-/5

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Avviso di burrasca

Titolo originale: Stormwarning

AUTORE: Maria Adolfsson

Traduzione italiana a cura di Stefania Forlani

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2019

GENERE: Thriller/ poliziesco

PAGINE: 400 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

Doggerland, arcipelago immaginario nel Mare del Nord. Gertrud Stuub, un’anziana donna, cammina a passo svelto attraverso i boschi. È inquieta, alla messa natalizia non ha incontrato il fratello Fredrik, nonostante avessero appuntamento lì. Quando vede il cane di suo fratello che abbaia, muovendo- si lungo il bordo di un dirupo, capisce che è successo qualcosa di grave. Quella stessa sera l’ispettrice Karen Eiken Hornby invita a cena gli amici e la madre con il suo fidanzato per festeggiare il Natale. Mangiano, bevono e cantano canzoni tradizionali. Karen, ancora in congedo per le ferite riportate durante la sua ultima indagine, è in preda a sentimenti contrastanti. È felice della compagnia, ma allo stesso tempo desidera un po’ di pace e solitudine. All’improvviso le squilla il telefono, è il capo del dipartimento investigativo criminale, Jounas Smeed. Un vecchio professore è stato trovato morto dalla sorella in una cava abbandonata. La polizia locale sospetta si tratti di un assassinio ed è corto di personale. Jounas chiede a Karen di occuparsi del caso nonostante il congedo. Lei accetta, felice di sfuggire a ulteriori festeggiamenti. Il mattino successivo, insieme al coroner Kneought Brodal, arriva alla stazione di polizia dell’isola di Noorö. Karen scoprirà degli oscuri intrecci che legano gli OP, una banda di motociclisti, ad alcuni suoi parenti stretti che vivono lì, apparentemente insospettabili e onesti cittadini che sembrano però sapere qualcosa sull’omicidio. Costretta a destreggiarsi in una delicatissima situazione che mina l’equilibrio tra il suo lavoro e la sua vita privata, Karen è chiamata a risolvere in fretta il mistero. A fare da sfondo a questo adrenalinico thriller di Maria Adolfsson, nuova stella del giallo scandinavo, un gelido inverno, mari tumultuosi e panorami mozzafiato.

https://www.semlibri.com/book/avviso-di-burrasca-maria-adolfsson/

Categorie
Recensioni

Santa Rita di Tommy Wieringa

Lettori e lettrici per passione buona sera!! Oggi vi parlo del nuovo romanzo di un autore che avevo precedentemente apprezzato con “La morte di Murat Idrissi”: Tommy Wieringa.

Il libro in questione è “Santa Rita” edito Iperborea.

Curious fact: Tommy Wieringa finora si è cimentato in romanzi brevi. Santa Rita è il suo primo romanzo lungo.

Santa Rita racconta la storia di Paul Krüzen. Un uomo ormai cinquantenne che da ragazzino ha compreso cosa vuol dire essere abbandonato dalla madre. Quest’ultima, infatti, è scappata con un soldato russo che, in un tranquillo pomeriggio, avevano soccorso dopo uno schianto aereo. Paul è quindi cresciuto solo col padre e con una pressoché totale sfiducia verso il genere umano; uno scetticismo che lo porta ad avere solo due punti cardini: Rita, un’amante a pagamento ormai avanti con l’età ed Hedwiges, un bottegaio di un negozietto di famiglia ormai in rovina. Solo quando questi due pilastri portanti andranno via, in Paul esploderà tutta l’indignazione e la rabbia repressa fino a quel momento.

Di tutte le punizioni, il silenzio è la più pesante.

Comincio dicendo che, su questo romanzo, avevo alte aspettative, date sicuramente dal fatto che amai molto La morte di Murat Idrissi. Ho quindi iniziato questa lettura con grande entusiasmo e curiosità. Fin dalle prime pagine ho notato che qualcosa non quadrava; non mi arrivava quel trasporto che avevo sperato ed aspettavo. C’era qualcosa che frenava. A lungo andare ho avuto la conferma: non mi trasportava. Avevo perso ormai le speranze quando all’improvviso, nella parte finale, tutto cambia ed emerge quel qualcosa che cercavo dalla prima pagina: il pathos, che mi ha fatto rivalutare in parte il mio giudizio iniziale.

Ma andiamo con ordine!

Quello che mi ha lasciato perplessa principalmente è il fatto che non ho trovato particolare coerenza tra la sinossi del libro è l’effettiva storia principale; quindi tra quello che diceva di raccontare è quello che in realtà ha raccontato. Mi spiego meglio. Da quello che presentava il libro sembrava far concentrare l’attenzione sulla fuga della madre e di quello che aveva comportato nella vita del protagonista. Invece, questo episodio viene soltanto citato e non approfondito come si potrebbe credere. Questo a me ha disorientato un pochino. È ovvio che tutto quello che succede a Paul, le reazioni di fronte ad alcune determinate situazioni, ha radici nella sua infanzia e in particolare nell’evento traumatico dell’abbandono, ma mi sarei aspettata che ci si soffermasse maggiormente su questo aspetto.

Ho trovato la narrazione di Santa Rita un po’ sconnessa. Ho avuto difficoltà a seguire il filo logico del discorso. Arrivata a metà libro non riuscivo ancora bene a capire quale fosse la storia principale. I personaggi li ho trovati anonimi, non li riuscivo a far emergere nelle vicende e Rita, il personaggio dal quale prende il nome il romanzo, a parer mio, è molto marginale.

Le cose cambiano, però, nella parte finale. Riesco finalmente a trovare quel pathos, quell’emotività che ricordavo dal precedente romanzo dell’autore. Qui finalmente si fa tutto più chiaro, i pezzi del puzzle cominciano ad andare ognuno al loro posto. Riesco persino a commuovermi per le sorti di Paul Kruzen a cui la vita ha sferrato un altro colpo basso.

Posso dire, tirando le somme, che Santa Rita è un romanzo che mi ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca, nonostante Wieringa valga molto come autore. Infatti, se volete apprezzarlo appieno vi consiglio di leggere La morte di Murat Idrissi ed arrivare a questo magari in un secondo momento.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Santa Rita

Titolo originale: De Heilige Rita

AUTORE: Tommy Wieringa

Traduzione italiana a cura di Claudia Cozzi

EDITORE: Iperborea

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2019

GENERE: Narrativa straniera/ Olanda

PAGINE: 320 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,50

VOTO: 3-/5

Agosto 1975. Turbando la tranquilla, secolare vita rurale di un paesino della pianura olandese, un piccolo aereo si schianta su un campo di mais dietro la casa di Aloïs e Alice Krüzen. A bordo c’è un russo in fuga dall’Unione Sovietica. Agonizzante ma vivo, il pilota è accudito dai Krüzen, ma non appena si rimette in piedi se ne va con Alice per mano: Aloïs e il figlio Paul, di otto anni, restano soli. Passa il tempo ma Paul, ormai cinquantenne, è ancora tormentato dal ricordo di quel russo caduto dal cielo che gli ha portato via la madre. La sua esistenza si sta consumando tra la casa in cui vive con il padre, la stalla adibita a magazzino per il suo commercio di cimeli militari, il bar del posto di nuova gestione cinese e il bordello del sinistro Steggink appena oltre il confine tedesco. Qui, ad aspettarlo, ci sono sempre le consolazioni dell’amore a pagamento della «materna Rita», che come lui porta al collo una medaglietta della santa sua omonima, patrona delle cause perse. Unico vero amico di Paul è Hedwiges, un’altra anima grigia che per vivere manda avanti l’anacronistica drogheria di famiglia e che una volta all’anno lo accompagna in vacanza in un qualche paradiso della prostituzione. E quando Hedwiges e Rita, gli unici punti fermi di Paul, gli vengono tolti, il precario equilibrio si spezza e la rabbia esplode. Con la sensualità della sua prosa, e uno sguardo amaro ma capace di totale empatia, Tommy Wieringa ci sprofonda nella provincia degli ultimi, dove la modernità arriva sotto forma di nuovissimi smartphone e di cinesi senza radici che oggi gestiscono un bar e domani chissà, dove la forza dei desideri indotti è inversamente proporzionale alla possibilità di realizzarli. Il luogo dove cova il rancore del nostro vivere contemporaneo.

https://iperborea.com/titolo/535/

Categorie
Recensioni

La casa delle voci di Donato Carrisi

[…] ma l’ipnotista riteneva che gli eventi che ci capitano – anche i peggiori – contribuiscano a renderci ciò che siamo. Sono parte di noi, anche se facciamo di tutto per dimenticarli.

Questo estratto fa parte dell’ultimo thriller di Donato Carrisi, La casa delle voci, edito Longanesi.

Prima di parlarvi di questo libro, voglio farvi una premessa: prima d’ora non avevo mai letto nulla di Carrisi!

Perché ve lo dico?

Innanzitutto per chiedere la vostra clemenza (già ho fatto mea culpa!!), e poi perché ritengo corretto essere onesta con voi, in quanto la recensione sarà frutto di quello che mi ha dato questo singolo romanzo e non un confronto con gli altri libri dell’autore.

Detto questo, entriamo nel vivo della discussione!

La casa delle voci racconta la storia di Pietro Gerber, un affermato psicologo infantile di Firenze, specializzato in ipnosi e soprannominato anche l’addormentatore di bambini, che si ritrova improvvisamente tra le mani un caso di una paziente, Hanna Hall, che durante una seduta da un’altra specialista, ha tirato fuori, dai meandri della memoria, il ricordo di un omicidio; il caso gli viene posto dalla stesa psicologica australiana che ritiene lui come l’unica persona in grado di aiutare questa donna sfortunata.

Pietro, nonostante la titubanza iniziale, deciderà di accettare e si troverà invischiato in una vicenda in cui sarà coinvolto in toto e dove nulla, ma proprio NULLA, è come sembra.

Regola numero due: gli estranei sono il pericolo.

Regola numero uno: fidati solo di mamma e papà.

La prima caratteristica che salta all’occhio leggendo questo romanzo è sicuramente l’effetto magnete che trasmette la narrazione; il ritmo, il linguaggio usato, il modo di descrivere luoghi e personaggi, conferiscono all’intera storia una potente forza attrattiva. Una volta che si inizia a leggere la prima pagina, non ci si potrà più fermare!

I personaggi sono molto introspettivi. La loro personalità e, di conseguenza, le loro azioni, sono molto influenzate dal processo interiore che li accompagna per tutta la narrazione.

L’enigma ed il mistero sono preponderanti. Leggendo La casa delle voci si ha la sensazione che ci sia sempre qualcosa di non detto, di non accaduto. Questo mi spingeva a continuare la lettura capitolo dopo capitolo; ma non solo, mi faceva scervellare in una maniera tale da entrarmi, il racconto, come un tarlo nel cervello, un pensiero fisso che mi faceva chiedere costantemente: ma come è possibile?

Il ritmo della narrazione è accelerato sicuramente dalla presenza di capitoli brevi e frasi ad effetto alla fine di quasi ogni capitolo. Inoltre, Carrisi, riesce a far tenere il filo logico della vicenda attraverso varie ripetizioni di elementi importanti riportati nei capitoli successivi all’evento scatenante.

Nel complesso posso dire che mi è piaciuto tanto tanto e Carrisi non mi ha deluso. Credo proprio che recupererò qualcos’altro di suo. Intanto vi consiglio di leggere questo thriller scervellante ed adrenalinico. Promosso a pieni voti!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La casa delle voci

AUTORE: Donato Carrisi

EDITORE: Longanesi

DATA DI PUBBLICAZIONE: Dicembre 2019

GENERE: Thriller

PAGINE: 400 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: 22,00 €

Gli estranei sono il pericolo. Fidati soltanto di mamma e papà.
Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l’ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso protagonisti di eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui la polizia si serve per le indagini.
Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l’addormentatore di bambini.
Ma quando riceve una telefonata dall’altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un’adulta.
Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un’illusione, ha un disperato bisogno di Pietro Gerber.
Hanna è un’adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la «casa delle voci».
Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio.
O forse non ha semplicemente visto.
Forse l’assassina è proprio lei.

https://www.illibraio.it/libri/donato-carrisi-la-casa-delle-voci-9788830448292

Categorie
Recensioni

Fuori dal mondo di Ragnar Jónasson

Ciao amici lettori e lettrici per passione, oggi vi parlo di un romanzo giallo pieno di suspense ed intrecci: “Fuori dal mondo” di Ragnar Jónasson edito Marsilio Editori.

Un detective di una piccola cittadina islandese, Ari Pór, si trova a dover indagare su un caso di molti anni prima (una cinquantina) riguardante la morte di una giovane donna. Tutto farebbe pensare ad un omicidio, ma qualcosa non convince il poliziotto che cercherà di scoprire la verità scovando foto e ricordi risalenti a quel periodo.

Jónasson racconta la storia attraverso i vari personaggi. Esamina, cioè, in ogni capitolo, la vicenda analizzando il vissuto di ogni personaggio, le azioni e reazioni che lo hanno portato a vivere quei determinati eventi.

Fuori dal mondo riesce a mettere al lettore una curiosità sempre crescente; spesso ci si trova spaesati, credendo di aver capito quale sia il filo conduttore di tutto ed invece, basta un singolo atteggiamento, una singola risposta, per rimettere tutto in discussione.

Il romanzo di Jónasson è un giallo poliziesco degno di essere riprodotto in film. La scrittura dell’autore, infatti, riesce a riprodurre le scene, i diversi paesaggi, creando quasi l’illusione di stare vedendo un album di fotografie.

Consiglio Fuori dal mondo a tutti coloro che sono amanti dei cold case, in cui passato non è poi così passato!

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Fuori dal mondo

Titolo originale: Rof

AUTORE: Ragnar Jónasson

Traduzione italiana a cura di Silvia Cosimini

EDITORE: Marsilio Editori

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2019

GENERE: Romanzo giallo

PAGINE: 256 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 17,00

VOTO: 3,5/5

Il ritrovamento di una vecchia foto riapre un caso di morte sospetta che risale a quando, nel 1955, due giovani coppie decisero di trasferirsi in un fiordo isolato e apparentemente deserto, nell’estremo Nord dell’Islanda. Una delle due donne morì poco dopo in circostanze misteriose e l’avventura finì per tutti. Negli anni, nessuno è mai riuscito a spiegare cosa fosse realmente successo. Davvero quell’aspro paradiso naturale pieno di promesse era disabitato come tutti credevano? E davvero si può morire per la solitudine e la paura del buio?
Alla stazione di polizia di Siglufjörður, mentre il villaggio è colpito da un violento contagio che ha costretto alla quarantena tutti gli abitanti, Ari Þór, necessariamente in servizio, si appassiona a quella storia che per lunghi anni è stata sulla bocca di tutti, e che per qualcuno sembra rappresentare ancora una minaccia.
Immerso nel silenzio opprimente di una comunità barricata in casa, e incalzato a percorrere luoghi sperduti, inospitali e allo stesso tempo di incredibile bellezza, dominati da un’oscurità senza fine o dalla luce più abbagliante, il giovane poliziotto cerca di ricostruire una vicenda che, a quanto pare, non è affatto conclusa.

http://www.marsilioeditori.it/libri/scheda-libro/2970083/fuori-dal-mondo

Categorie
Recensioni

Il soffitto di cristallo di Gianni Perrelli

Livia era ormai perfettamente consapevole che come opinionista Beppe lo stagnato, una figura emblematica da lei inventata, aveva molta più influenza coi suoi blog stralunati degli editorialisti più accreditati con le loro analisi ponderate. In termini di like umiliava le menti più acute e le penne più raffinate.

Il soffitto di cristallo di Gianni Perrelli edito Di Renzo Editore, racconta alcune vicende di Livia Serantoni, la prima donna a diventare Presidente del Consiglio. La narrazione alterna il punto di vista della protagonista, con quello di Paolo, ex amante e compagno politico di Livia ormai “fuori dal giro” dopo un giochetto architettato dalla controparte.

La figura di Paolo è emblematica; con il suo guardare la scena politica da fuori, rappresenta l’altro piatto della bilancia. Non essendo più invischiato nei meandri della politica, può valutare la situazione con sguardo critico di “chi sa”. Da al lettore la possibilità di farsi un’idea priva di condizionamenti.

La protagonista, Livia, invece è una donna animata da forti ideali umanitari e da un forte senso morale, che però rischia di perdere in maniera direttamente proporzionale al grado di potere che raggiunge. Il potere, infatti, rischia di disorientare anche coloro che sono mossi dai propositi più ammirevoli. Livia però non riveste un ruolo convenzionale, adatto cioè alla carica che riveste. Lei è una donna che non ama i vincoli e le “catene”, che vuole vivere la sua vita osando e soprattutto approfittando della sua sensualità. Non è la classica donna portata per la famiglia, per un amore stabile. Vive di incontri passionali fini a se stessi. Questo suo aspetto però contrasta con la figura pulita e trasparente di primo ministro. Fin quando riuscirà a mantenere questa “doppia vita”? Riuscirà a mantenere intatti i suoi buoni ideali o li venderà per la poltrona?

Ho trovato molto interessante Il soffitto di cristallo per quello che si legge sopra le righe. Credo che sia un saggio sulla situazione italiana, ma non solo, dei nostri tempi. Si affrontano tematiche quali la religione, la situazione femminile, le nuove tecnologie e l’utilizzo sempre più massiccio dei social.

Ogni argomento è trattato sotto forma di riflessione o dialogo e la cosa che più mi ha convinta è stata il constatare che mentre leggevo il libro, mi ritrovavo io stessa a riflettere su questioni etiche e attuali che riguardano la nostra società.

È un romanzo che mi sento di consigliare a tutti coloro che vogliono pensare in maniera critica alla società in cui ci troviamo. Credo, infatti, che si debba leggere questo libro per avere un quadro più completo sulla situazione attuale.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Il soffitto di cristallo

AUTORE: Gianni Perrelli

EDITORE: Di Renzo Editore

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2019

GENERE: Narrativa italiana

PAGINE: 216 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 15,00

VOTO: 4-/5

Livia Serantoni è la prima donna a ricoprire la carica di presidente del Consiglio della Repubblica italiana. La prima ad aver superato il soffitto di cristallo. Un traguardo diventato oggi la norma in Europa, ma quasi utopistico in un Paese machista come il nostro. Giorgio Recalcati è un giovane giornalista in promettente ascesa. Paolo Rizzi è un segretario di partito ormai dimenticato. Ognuno di loro ha pagato un prezzo. Forse troppo alto. Cosa e chi hanno sacrificato in nome della scalata al potere? Intorno a loro, il teatro della politica con i suoi intrighi di palazzo, le oscure battaglie di partito, le ipocrite compiacenze, le illusioni mediatiche e le sirene dei social. L’attualità è l’ennesimo capitolo di una ragion di Stato ormai esausta, sopravanzata dalla propaganda populista. La prospettiva è la paura di perdere tutto che induce all’errore o alla facile promessa. Come resistere? Livia lo sa: questa è l’ultima occasione che ha per convincere e convincersi che la politica non s’improvvisa, si costruisce. Giorno dopo giorno.

Categorie
narrativa straniera Recensioni

La città delle ragazze di Elizabeth Gilbert

[…] Che la vita non è lineare. Da piccolo credi che le cose siano sempre in un certo modo. Che esistano delle regole. Che la vita debba seguire un binario preciso. E ti sforzi di percorrerlo. Ma la vita se ne infischia delle tue regole o di ciò che credi. Lei non segue un unico binario, Vivian. Non è mai come te l’aspetti. Per lei le nostre regole sono fumo. A volte la vita capita, questo penso. E noi dobbiamo continuare a viverla, al meglio delle nostre possibilità.

Vivian, un’arzilla vecchietta quasi novantenne, è la protagonista dell’ultimo romanzo di Elizabeth Gilbert, “La città delle ragazze” edito Rizzoli. Un romanzo che si discosta per toni ed argomento da Mangia Prega Ama, ma che riesce comunque a trasmettere la profondità delle emozioni umane.

Il romanzo inizia con Vivian che decide di raccontare ad Angela, attraverso una lunghissima lettera, come ha conosciuto l’uomo più importante della sua vita: Frank, il padre di Angela. Ripercorrendo quasi cinquant’anni di storia, la protagonista, rievoca tutti gli eventi che hanno portato all’incontro di questo uomo, segnato da un passato di atrocità belliche.

La città delle ragazze è, infatti, ambientato negli anni Quaranta, proprio quegli anni segnati dal secondo conflitto mondiale e Frank quella guerra l’ha combattuta, riuscendo a sopravvivere ad un attacco kamikaze da parte del nemico; privilegio che però non è stato concesso ai suoi compagni.

[…] Devi imparare a prendere la vita con più leggerezza, mia cara. Tutto cambia di continuo. È importante non aggrapparsi troppo alle cose. Qualcuno ti fa una promessa e poi non la mantiene. I critici parlano bene di uno spettacolo e poi lo condannano al fallimento. Un matrimonio sembra solito e poi finisce in divorzio. Per un po’ c’è una pace e poi un’altra guerra. A preoccuparsi troppo si diventa stupidi e infelici. A che pro?

Nonostante il tema della guerra faccia da sfondo all’intero romanzo, il tono di La città delle ragazze è molto più frivolo e leggero. Vivian, infatti, è una ragazza molto indipendente ed intraprendente rispetto alle altre sue coetanee; mostra una grande libertà sessuale, cosa che contestualizzata al periodo era giudicata alquanto scandalosa e “socialmente inaccettabile”. Questo aspetto della sua vita le ha provocato non pochi problemi e guai, complice il fatto che si è formata ed è cresciuta negli ambienti di un teatro un po’ sgangherato formato da personaggi bizzarri e originali, in cui predominava la baldoria e il disordine.

Crescendo Vivian, metterà la testa a posto, ma non tanto da rinunciare alla propria libertà e legarsi definitivamente ad una persona, o almeno non nel senso comune del termine!

Devo dire che all’inizio ho trovato un po’ di difficoltà ad ingranare la marcia. Avevo in mente lo stile di mangia prega ama, quindi mi aspettavo un tono più “serio” anche se già sapevo che sarebbe stato più leggero. Quindi essendo io una accanita fan di romanzi strong, ho impiegato qualche giorno per prendere dimestichezza con questo stile un po’ fuori dalla mia portata. Posso dire però che una volta abituata, è stato una grande scoperta.

I toni frivoli e spensierati della prima parte si smorzano e diventano più maturi nella seconda. Quasi come se lo stile della narrazione si evolvesse di pari passo alla crescita personale della protagonista. E questo, a mio parere, è segno di una grande bravura di fondo nello scrivere (ma d’altronde stiamo parlando della Gilbert!).

Ho trovato La città delle ragazze per niente stucchevole. Non cade mai nel banale e nello sdolcinato, nemmeno quando inizia a parlare di Frank, l’unico uomo che Vivian abbia riuscito ad amare. Quello che si evince è invece una particolare attenzione alle emozioni umane in tutte le loro sfaccettature. Un sentimento viene mostrato per quello che è senza essere esasperato; perché in fondo non ce n’è bisogno, un sentimento riesce a mostrare tutta la potenza con la sua stessa essenza.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: La città delle ragazze

Titolo originale: City of girls

AUTORE: Elizabeth Gilbert

Traduzione a cura di Elena Cantoni

EDITORE: Rizzoli

GENERE: Narrativa straniera

DATA DI PUBBLICAZIONE: Settembre 2019

PAGINE: 496 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 20,00

Feste strepitose, attori seducenti, dive egocentriche e poi musica, risate, luci che si accendono. Vivian Morris ha novantacinque anni, ma se chiude gli occhi torna a essere la diciannovenne che dopo un fallimentare tentativo al college si è ritrovata a sbirciare dietro le quinte del vivace e sgangherato tea-tro gestito da sua zia Peg. L’anno è il 1940, la città New York, gli ambienti sono quelli del Lily Playhouse, un odeon pazzo dove le ragazze in cerca di fortuna si offrono al mondo, all’arte, agli uomini. Vivian inciampa in questo fiume in piena e ne è trascinata via, complice il fascino di Celia, soubrette dal corpo meraviglioso e con la voce cupa da gatta randagia. Mentre la ragazza scopre di avere un talento come costumista, zia Peg la accoglie nel suo regno esploso, al centro della città più sognata e ai margini della sua ricchezza. Dove bisogna scrollarsi di dosso la provincia impressa nel passo e negli occhi. La città delle ragazze è la storia di un’educazione sentimentale gioiosa, la rappresentazione di un universo che non teme di mostrarsi famelico, rumoroso, fragile e mosso da un’inquietudine costante. Amato dalla migliore critica americana, che ha trovato in questa scrittura uno sguardo illuminante e onesto sulla natura e il carattere del desiderio femminile, ecco il nuovo romanzo di Elizabeth Gilbert.

https://rizzoli.rizzolilibri.it//libri/la-citta-delle-ragazze/

Categorie
Recensioni

Tutto questo tempo di Nicola Ravera Rafele

Ciao a tutti lettori e lettrici per passione. Oggi vi parlo di un libro devastante; un libro che sicuramente non lascia indifferenti. Sto parlando di Tutto questo tempo di Nicola Ravera Rafele edito Fandango.

Ho avuto il piacere di condividere questa lettura con altre otto persone belle belle. È stata un’esperienza molto costruttiva per me e per questo li ringrazio ad uno ad uno!

Adesso, però, bando alle ciance e parliamo del romanzo.

Tutto questo tempo racconta la storia di una famiglia composta da Giovanni Luna, la moglie Elisa e dai figli Clara e Dario. In un lasso di tempo che va da metà degli anni Ottanta ai giorni nostri, l’autore descrive l’evoluzione dei meccanismi interni a questo nucleo; un nucleo disgregato, un nucleo che forse non si riconosce come parte di un tutto.

[…] Eppure, anche se le conseguenze indubbiamente ci furono, e cariche di dramma, non sarebbe corretto definirle come qualcosa di più specifico e più consistente del destino stesso, quella intricata composizione di linee che, per paradosso o presbiopia, è perfettamente visibile da lontano, e sfocata da vicino.

Il romanzo è diviso in tre parti. Nella prima parte sono esaminati i rapporti tra i due capostipiti della famiglia, Giovanni ed Elisa, che si muovono come in una danza tra il lasciarsi e il ritrovarsi. Nella seconda parte, invece, viene data voce a Clara, la figlia, che inevitabilmente continua a percorrere il sentiero psicologico tracciato dai genitori; questo la porta ad essere una persona affettivamente insicura ma non solo. Nella terza parte, infine, sentiamo la voce di Dario, il figlio minore, che fino ad ora è stato quasi di sfondo alla storia; lui riuscirà a collegare tutti i pezzi di questo puzzle un po’ sgangherato in una parvenza di armonia.

Prima di parlarvi delle sensazioni che ho provato leggendo questo libro, credo sia interessante analizzare i singoli personaggi.

Partiamo da Giovanni ed Elisa; li analizzo volutamente insieme perché si possono benissimo descrivere uno come il completamento dell’altra. Questa caratteristica li accompagnerà sempre, sino alla fine della storia, anche quando avranno periodi di “burrasca”. Giovanni è un uomo cinico, per niente convenzionale, che affronta la realtà che lo riguarda come da spettatore, senza mai affrontare direttamente la questione se non aggirando il problema. Elisa, invece, è una donna passiva, con un carattere debole e, se vogliamo, incapace di far emergere i propri sentimenti reali, prendendo una posizione.

Clara e Dario, subiscono le conseguenze inevitabili di questo “vortice” creato dai genitori. Clara è una ragazza prima, ed una donna dopo, emotivamente instabile che cerca costantemente di colmare, attraverso relazioni non proprio salutati, il vuoto creato dai genitori troppo impegnati a fare i conti con i loro fantasmi. Dario, infine, è forse il personaggio più razionale della famiglia; lui ha la capacità di esaminare in maniera più razionale e critica le dinamiche relazionali della sua famiglia e di adottare tecniche di autodifesa e (perché no) di salvezza.

Ci sono, poi, tanti altri personaggi che si andranno ad incastrare nella vita di questa famiglia creando risvolti del tutto inaspettato.

Tutto questo tempo è un libro che ho amato molto! La prima parte, per me, è stata sensazionale; è presente una così forte intensità emotiva da riuscire a darti uno schiaffo dritto in faccia. Il dolore, il dramma sono preponderanti. L’angoscia traspare in ogni singola riga. Il forte impatto emotivo è assicurato. Nella seconda parte, invece, i toni di placando ed emerge una grande tristezza consapevole, come se l’evoluzione non sarebbe potuta essere altrimenti; perdiamo quindi quel forte pathos, per trovare quel sentimento definitivo che definirà la natura stessa dei protagonisti.

Questo è un romanzo che consiglio assolutamente a tutti coloro che vogliono leggere (e vivere) una storia profonda e carica di emotività. Le vite di Giovanni, Elisa, Clara e tutti gli altri sapranno scuotervi, arrabbiare, ma anche emozionare.

Per finire ci tengo a dirvi di seguire gli altri miei compagni di viaggio, che hanno tanto da darvi!!

https://instagram.com/a_tuttovolume_libri_con_gabrio?igshid=c46bjn227eeg

https://instagram.com/libridimarmo?igshid=n39uu6d55xkz

https://instagram.com/readeat_libridamangiare?igshid=1ral33trhloi4

https://instagram.com/bookislifeoriginal?igshid=14dehymhzeaax

https://instagram.com/labibliotecadelcorsini?igshid=1ry8d694w9mx

https://instagram.com/viaggiletterari?igshid=1t7wiz0humn4o

https://instagram.com/matteo_zanini?igshid=168isx33kfps1

https://instagram.com/luca_massignani?igshid=q2fnp7jyia6q

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Tutto questo tempo

AUTORE: Nicola Ravera Rafele

EDITORE: Fandango

GENERE: Narrativa italiana

DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2019

PAGINE: 298 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

Giovanni ed Elisa si conoscono a un punto di svolta delle loro vite, lei ha superato i trent’anni, lui ha scritto molto tempo prima un unico libro di successo e si trascina per festival letterari. Ma il loro amore, improvviso, totalizzante, sembra rimettere in moto il tempo. Tutto sembra funzionare, la loro felicità li illumina. Finché un giorno Giovanni, in viaggio per lavoro, decide di non prendere l’aereo per tornare a casa, incapace di affrontare le responsabilità che la vita con Elisa e la nascita della loro primogenita Clara comportano. Dopo cinque giorni ricompare ma, nonostante ogni cosa sembri tornare al proprio posto, sottili crepe si aprono tra loro, fratture che diventano sempre più profonde e li allontanano. Un susseguirsi di tradimenti, distacchi e ripicche segna la loro storia, quella dei loro figli e dei loro amici. Sullo sfondo dell’Italia nel passaggio dalla Prima alla Terza Repubblica, Nicola Ravera Rafele racconta la crisi di una generazione e della sua idea di futuro, confermandosi uno scrittore in grado di legare la storia individuale a quella collettiva del nostro paese. Un romanzo corale che ricorda la grande narrativa americana, attraversa due generazioni e tratteggia con un linguaggio netto e mai scontato le incrinature che come vene sotterranee arrivano al cuore di ognuno di noi.

https://www.fandangoeditore.it/shop/marchi-editoriali/fandango-libri-2/tutto-questo-tempo/

Categorie
narrativa italiana Recensioni

Cosa resta di Male di Gianmarco Soldi

Buongiorno lettori e lettrici per passione, oggi vi parlo di un libro molto discusso e che ha smosso pareri contrastanti.

Il libro in questione è “Cosa resta di Male” di Gianmarco Soldi edito Rizzoli.

Perché ha smosso così tante opinioni contrastanti?

Perché affronta una tematica scomoda; il protagonista infatti esplora ed attraversa il mondo delle perversioni.

Amato, questo è il nome del protagonista, avverte fin da bambino, un moto interno, che gli fa provare qualcosa che ancora non si sa spiegare ma che avverte di essere sbagliato.. crescendo Amato prende consapevolezza di queste pulsioni e le vive come un problema; lui sa che quello che prova è sbagliato.. ma non riesce a farne a meno. Durante questo percorso di consapevolezza, accettazione e/o negazione (questo sta a voi scoprirlo) incontra una ragazza, taciturna, solitaria e sempre vestita di nero, Malena (Male), che lo “prenderà per mano” creando un effetto magnete che influenzerà Amato per tutta la vita…

Si può cambiare casa, città o nazione, ma è impossibile trovare la pace se prima non si fa pace con se stessi.

Capite bene, che Cosa resta di Male è un romanzo scomodo e ad alcuni ha fatto storcere il naso, perché esplora sentieri oscuri della vita umana.

Qui vi parlo di quello che ha trasmesso a me.. e vi garantisco che è tanta roba.

Innanzitutto, inutile negarlo, certe scene descritte hanno indignato anche me. Non è quello che ci si aspetta di leggere in un romanzo. Le pulsioni sessuali che emergono già nell’infanzia del bambino, non sono facili da digerire. Credo anche, però, che sia riduttivo fermarsi solo a questo. Mi spiego meglio. Secondo me, l’intento di Gianmarco Soldi è proprio questo: scuotere le coscienze, accendere una lampadina su sentieri rocciosi e poco praticati. Io ho avvertito chiaramente l’intenzione, ho sentito quasi la voce che dice: “esiste anche questo!”.

Cosa resta di Male è passione, rabbia, tenerezza, complicità, indignazione.. leggendo questo libro il lettore si trova avvolto in un turbine di emozioni che molto spesso cozzano tra loro, ma che lo portano inevitabilmente a riflettere.

Cosa resta di Male è anche riscatto; una grande voglia di emergere e di amare ed essere amati per quello che si è. Perché alla fine si sa, l’amore o salva o fa sprofondare ancora di più.

Come mi è capitato di dire spesso, ho amato molto Cosa resta di Male, proprio per il forte carico emotivo che traspare dalle righe di questo romanzo. Io credo che sia un libro da leggere, anche solo per farsi un’idea su come è variegata ed unica la natura umana.

Scheda tecnica e descrizione.

TITOLO: Cosa resta di Male

AUTORE: Gianmarco Soldi

EDITORE: Rizzoli

GENERE: Narrativa italiana

DATA DI PUBBLICAZIONE: Marzo 2019

PAGINE: 336 (cartaceo)

PREZZO DI COPERTINA: € 18,00

Mi voltai di scatto. C’era una ragazzina esile e pallida, con i capelli neri e gli occhi ancora più neri. «Ti va di unire le nostre solitudini?»È un torrido pomeriggio d’agosto, il sole picchia sulla pianura Padana seccando l’erba e il granturco. Amato è nascosto in macchina con la cuginetta Gioia, che ha appena schiacciato una lucertola sotto la scarpa. «Ora devi fare una cosa» gli dice, «altrimenti schiaccerò anche te. Devi baciarmi i piedi, come a una principessa.»Amato è ancora un bambino, eppure una scintilla buia gli si accende dentro. Desiderio, vergogna, paura: sentimenti che non sa come gestire né con chi condividere. Finché nella sua vita non arriva Malena, detta Male, una ragazzina con la pelle di luna e l’oscurità in fondo agli occhi. Capelli neri, felpa nera, scarpe nere. Ad Amato basta uno sguardo per capire che da quel momento non sarà più solo: gli amici, la musica, la nebbia malinconica del cielo di Cremona, tutto resta sullo sfondo per fare spazio a questo nuovo mondo a due. Lui e Male si scoprono, si ascoltano, si riconoscono l’uno nell’altra togliendosi ogni giorno un pezzo di corazza mentre la loro affinità si trasforma, col tempo, in una tenera e feroce educazione sentimentale. Con questo sorprendente romanzo d’esordio, Gianmarco Soldi racconta la storia di una passione giovane ma potentissima, nata in una provincia senza orizzonti e senza certezze in cui l’amore è l’unico futuro davvero possibile.

https://rizzoli.rizzolilibri.it//libri/cosa-resta-di-male/